Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Indonesia, si teme un nuovo tsunami. Sale il bilancio delle vittime: almeno 429 morti, migliaia i feriti | Ultime news

Immagine di copertina

I soccorritori sono al lavoro alla ricerca di sopravvissuti

Indonesia Tsunami – Domenica 23 dicembre 2018 un forte tsunami ha colpito l’Indonesia nei pressi dello stretto della Sonda, tra le isole indonesiane di Giava e Sumatra: il bilancio è di almeno 429 morti, circa 1.400 feriti e centinaia di dispersi. Lo rende noto, secondo quanto riportato dal Guardian, l’Agenzia indonesiana per la gestione delle calamità naturali.

I soccorritori sono al lavoro alla ricerca di sopravvissuti. Lo tsunami è stato causato dall’eruzione di Anak Krakatau, un’isola vulcanica formatasi dal vulcano Krakatoa che si trova proprio nello stretto della Sonda.

Al momento non è esclusa una nuova eruzione che potrebbe scatenare un altro tsunami. Lo ha dichiarato il portavoce della National Disaster Management Agency, Sutopo Purwo Nugroho, affermando che si tratta di una possibilità concreta e chiedendo a tutti i residenti delle zone costiere dello stretto della Sonda di tenersi lontani dalle spiagge.

Il vulcano Anak Krakatau negli ultimi mesi ha visto aumentare la propria attività.

“L’esercito e la polizia stanno ispezionando le macerie per vedere se possiamo trovare ulteriori vittime”, ha fatto sapere un altro rappresentante dell’agenzia indonesiana per la gestione dei disastri, Dody Ruswandi, precisando che le ricerche probabilmente dureranno una settimana.

Le onde dello tsunami, che ha danneggiato centinaia di costruzioni e anche molti alberghi lungo le coste, hanno raggiunto i 20 metri di altezza.

L’area colpita dallo tsunami ospita nelle immediate vicinanze località balneari turistiche, frequentate spesso anche nel corso delle festività, tra cui quelle natalizie.

L’Unità di Crisi della Farnesina e l’ambasciata d’Italia a Giacarta si sono subito attivate per prestare ogni assistenza necessaria ai connazionali sul posto, come riferisce il ministero degli Esteri in un tweet.

Per il momento non risultano notizie di vittime straniere nello tsunami che ha investito l’Indonesia. A dirlo è il premier australiano, Scott Morrison, citato da Abc News: “Al momento, non ci risultano vittime tra gli stranieri, tantomeno australiani”.

Morrison ha twittato un messaggio di cordoglio per le vittime e ha offerto l’assistenza dell’Australia alle autorità indonesiane.

Guarda anche: Indonesia, lo tsunami travolge una band durante concerto: il video

Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa