Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Iran, l’India è pronta a riprendere le importazioni di petrolio da Teheran

Immagine di copertina

India importazioni petrolio Iran | L’India riprende i colloqui con l’Iran. A poche settimane dallo stop deciso in ottemperanza alle sanzioni statunitensi imposte a Teheran dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il governo di Narendra Modi potrebbe ricominciare presto a importare petrolio dall’Iran. Ad affermarlo è il quotidiano The Print, citato anche dall’agenzia di stampa iraniana Irna, che riporta le affermazioni di due fonti anonime all’interno dell’esecutivo.

“Il governo non è contento del divieto (alle importazioni di petrolio). È ansioso di riprendere le importazioni, anche se il quantitativo sarà limitato”, ha dichiarato un alto funzionario del governo.

Un’altra fonte ha invece spiegato che “i pagamenti possono essere depositati nella banca iraniana e poi il governo iraniano può decidere come utilizzare i soldi”. Secondo le indiscrezioni l’India, che aveva fermato l’importazione di greggio da Teheran a inizio mese secondo quanto stabilito dagli Stati Uniti, starebbe prendendo in considerazione l’idea di pagare in rupie, la valuta indiana.

Le sanzioni Usa contro l’Iran – Lo scorso 2 maggio sono scadute le esenzioni concesse dagli Stati Uniti a otto paesi per l’importazione del petrolio prodotto in Iran. La decisione era stata presa ad aprile dall’amministrazione del presidente Donald Trump, che un mese fa aveva annunciato di non voler rinnovare le esenzioni concesse in precedenza ad alcuni paesi, tra cui l’Italia.

L’obiettivo nel breve termine del Tycoon è “azzerare l’export di petrolio iraniano, negando al regime la sua principale fonte di entrate”. Sul lungo periodo, il fine di Trump è indebolire ulteriormente la stabilità del governo iraniano per poter arrivare a un cambio al vertice del paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”