Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Incendio California, mamma in fuga da ospedale in fiamme con uno sconosciuto: “Salva mio figlio”

Immagine di copertina
Credits: AFP/Josh Edelson/Getty Images

Rachelle Sanders aveva partorito da poche ore quando l'incendio più devastante della storia ha circondato la struttura

Aver appena partorito e dover fuggire dall’ospedale perché circondato dalle fiamme. Non essere in grado di correre, né di camminare, salire in macchina di uno sconosciuto col proprio neonato e ritrovarsi a chiedergli: “Se l’incendio dovesse raggiungerci, lasciami qui ma promettimi di salvare mio figlio”.

È successo in California, all’ospedale della cittadina Paradise, che l’8 novembre 2018 è stata aggredita dall’incendio più mortale e devastante della storia californiana.

Rachelle Sanders, come racconta la Cnn, ha partorito da poche ore. È ancora esausta e dolorante a letto quando arriva l’ordine i evacuazione. L’incendio sta raggiungendo l’ospedale, bisogna abbandonarlo in fretta e furia.

Rachelle viene messa su una sedia a rotelle, in braccio tiene il bambino appena nato: mamma e bambino vengono fatti salire sulla macchina di David, un impiegato dell’ospedale, e vengono fatti allontanare velocemente.

“Ero in macchina con uno sconosciuto, ero ancora convalescente e se il fuoco avesse avvolto la macchina non sarei stata in grado di scappare”.

Nella testa di Rachelle inizia a farsi largo un pensiero: “Non ce la faremo”. Così chiede a quell’uomo appena conosciuto di farle una promessa.

“Se dovessimo rimanere in trappola, se dovessimo essere costretti a lasciare la macchina, devi prendere mio figlio e correre, lasciami qui”.

Le fiamme, aizzato dal vento, creano una sorta di tempeste di fuoco che lambiscono la strada, minacciano la macchina e i suoi passeggeri, così come tutti gli altri evacuati dall’ospedale.

“Ero sicura che non ce l’avremmo mai fatta”, confessa Rachelle. Ma dopo 30 chilometri, e 9 ore per percorrerli, mamma e figlio vengono portati in salvo. “Abbiamo dovuto cambiare strada molte volte, il fuoco ci impediva di procedere. Siamo passati davanti a quella che fino a poco prima era la mia casa: non era rimasto nulla”.

Dopo svariate ore a cercare una via di fuga, David è riuscito infine a portare fuori dalla linea del fuoco Rachelle e il suo bambino, trovando rifugio nell’ospedale di un’altra città, dove l’ha raggiunta il marito con gli altri due figli.

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio