Me
HomeEsteri

Una foto del 1800 con una sosia di Greta Thunberg scatena le teorie cospirazioniste: “Ha viaggiato nel tempo per salvarci dall’apocalisse”

L'istantanea è stata trovata nell'archivio online della University of Washington Libraries e in poche ore ha fatto il pieno di condivisioni

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 20 Nov. 2019 alle 19:03
Immagine di copertina

Greta Thunberg: una foto scattata nel 1800 solleva le teorie cospirazioniste sull’ambientalista svedese

“Greta Thunberg ha viaggiato nel tempo per avvertirci dei cambiamenti climatici”: è solo una delle assurde teorie cospirazioniste nate dopo la circolazione di una foto scattata 120 anni fa, che ritrae una ragazza incredibilmente somigliante all’attivista svedese.

Tutto è nato da una foto scattata nel 1898 scovata dall’archivio online dell’University of Washington Libraries.

Nell’istantanea, la cui didascalia recita: “Three children operating rocker at a gold mine on Dominion Creek, Yukon Territory” (“Tre bambini manovrano un bilanciere in una miniera d’oro a Dominion Creek”), si vedono tre ragazzini impegnati nella ricerca dell’oro.

Uno dei tre soggetti, è una ragazzina con il capo coperto da un turbante e delle lunghe trecce che le scendono lungo le spalle: la sua somiglianza con Greta Thunberg (qui il suo profilo) in effetti è impressionante.

Greta ha trovato un passaggio per Madrid a bordo della barca a vela di due youtuber australiani

Tuttavia, l’immagine ha acceso la fantasia della Rete, che ha iniziato a formulare le teorie più fantasiose e bizzarre sull’origine della fotografia.

La tesi più condivisa è quella che Greta Thunberg abbia viaggiato nel tempo, avanzando di ben 121 anni, per avvertire la popolazione dei rischi che corre con i cambiamenti climatici.

“Mi avete rubato i sogni” Il discorso di Greta all’Onu | VIDEO

Altri, invece, sostengono che la ragazza si sia reincarnata per salvarci dall’apocalisse.

Greta Thunberg, un gigantesco murale a San Francisco celebra la paladina del clima

Leonardo DiCaprio incontra Greta: “È stato un onore passare del tempo con lei”