Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Grecia, 38mila migranti bloccati in condizioni disumane. MSF ai leader europei: “Fermate questa follia”

Immagine di copertina
Credit: Msf

Sono 38mila le persone bloccate sulle isole greche in condizioni disumane, a causa delle politiche di contenimento dell’Europa. La denuncia di Msf

Grecia, 38mila migranti bloccati in condizioni disumane. Lettera di MSF ai leader europei: “Fermate questa follia”

Sono 38mila le persone bloccate sulle isole greche in condizioni disumane, a causa delle politiche di contenimento dell’Europa per i migranti. Tra loro ci sono anche 12mila bambini, condannati a una vita senza speranza. A denunciarlo è il nuovo presidente internazionale di Medici Senza Frontiere (Msf), Christos Christou, rientrato da pochi giorni da un viaggio in Grecia.

Christou ha inviato una lettera aperta inviata ai leader europei, affinché si assumano la responsabilità di fornire assistenza e protezione alle persone bloccate sulle isole greche e porre fine alle politiche europee che causano loro sofferenze non necessarie.

“Sono appena tornato dalle isole greche e sono scioccato da ciò che ho visto e dalle testimonianze che ho ascoltato dai miei colleghi che lavorano lì”, ha scritto il presidente di Msf nella lettera, che è stata presentata ieri durante una conferenza stampa a Bruxelles. “Mi hanno raccontato di un bambino di 12 anni arrivato nella nostra clinica pediatrica di Moria dopo essersi ripetutamente ferito tagliandosi la testa con un coltello. E mi hanno detto di una bambina di 9 anni con gravi ferite causate dall’esplosione di una bomba in Afghanistan. Sorrideva ancora prima di arrivare in Grecia. Ma nei mesi che ha trascorso intrappolata sull’isola di Lesbo, ha smesso di parlare e di mangiare e si è completamente isolata dalla vita”.

“Sono sopravvissuti alla guerra e alle persecuzioni, ma il tempo prolungato vissuto in luoghi miserabili e insicuri come Moria ha portato molti dei nostri piccoli pazienti oltre il limite, fino all’autolesionismo e ai pensieri suicidi”, prosegue la lettera. “È per questi bambini, e per tutte le persone che continuate a intrappolare sulle isole greche, che oggi mi sento obbligato a inviarvi questa lettera”.

Christou sottolinea che i bambini non sono i soli a essere vulnerabili. “Persone sopravvissute alla tortura devono condividere la loro tenda per mesi con degli estranei”, aggiunge. “Sopravvissuti a violenze sessuali raccontano ai nostri operatori nel campo di Vathy, sull’isola di Samos, che hanno paura ad usare i bagni di notte. Le nostre équipe hanno individuato queste persone, ma molte di loro non vengono considerate vulnerabili dalle autorità greche, così i loro bisogni scompaiono nelle crepe di farraginose procedure amministrative”.

Poi punta il dito contro le politiche europee: “Nel 2016 avete deciso di intrappolare queste persone sulle isole greche come fosse una misura necessaria e temporanea. Vi avevamo avvertito delle conseguenze umanitarie che avrebbe avuto il vostro accordo con la Turchia. Abbiamo anche deciso di smettere di accettare fondi dagli stati membri dell’Unione Europea in segno di protesta. Oggi vediamo il risultato di quella decisione: uno stato di emergenza cronica e un ciclo continuo di sofferenza umana”.

“Negli ultimi quattro anni, la situazione umanitaria è peggiorata, anziché migliorare”, si legge nella lettera. Solamente negli ultimi tre mesi, una donna, un bambino e un neonato di nove mesi sono morti a causa delle pericolose e spaventose condizioni di vita a Moria e la mancanza di cure adeguate. Cercavano sicurezza in Europa, hanno trovato la morte in un centro di accoglienza europeo”.

“La situazione è paragonabile a quanto vediamo dopo disastri naturali o in zone di guerra in altre parti del mondo”, prosegue il presidente di Msf. “Fermate questa follia” e ancora: “Nessun argomento politico può giustificare misure che infliggono deliberatamente e consapevolmente danni alle persone. E vi abbiamo ripetutamente detto che queste politiche lo fanno. Smettete di ignorarlo, smettete di fingere che non sia così”.

Qui la pagina per sostenere l’azione di Msf in Grecia. Qui il video della conferenza stampa a Bruxelles:

L’uliveto di Lesbo, dove i bambini migranti tornano a sperare: il reportage di TPI

Lo psichiatra che cura i migranti a Moria: “Allucinazioni, autolesionismo, suicidi. Un trauma collettivo si consuma alle porte di casa nostra”

Vacanze solidali a Lesbo, i volontari della Comunità di Sant’Egidio a TPI: “Esiste un’Italia diversa da quella che respinge”

Grecia, scoperti 41 migranti in un tir frigo: quando sono stati liberati facevano fatica a respirare

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown