Non urlare sulle montagne russe: la regola impossibile anti-Coronavirus che arriva dal Giappone

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 5 Giu. 2020 alle 09:43 Aggiornato il 5 Giu. 2020 alle 10:28
232
Immagine di copertina
Credit: Paul Brennan da Pixabay

Vietato urlare sulle montagne russe in Giappone. Questa è una delle regole da rispettare nei parchi di divertimento nipponici per evitare la diffusione del coronavirus. Tra i parchi a tema che adotteranno queste misure tutti quelli che fanno parte dell’Associazione parchi a tema del Giappone orientale e del Giappone occidentale, si parla quindi di 30 operatori tra cui Tokyo Disneyland, e Universal Studios Japan.

Secondo quanto riportato dalla CNN, in un documento firmato proprio dagli operatori, viene chiesto ai clienti delle giostre giapponesi di tenere la mascherina lungo tutto il percorso e di non urlare durante il giro. Un’impresa ardua visto che la costruzione delle montagne russe viene realizzata proprio per cercare di produrre urla di stupore o paura involontarie

Le nuove regole dei parchi divertimento non finiscono qui. In Giappone, oltre i divieti sulle montagne russe, viene suggerito ai lavoratori nei parchi di “evitare il dialogo quanto più possibile” e di preferire “una combinazione di occhi sorridenti e gesti con le mani nonostante le mascherine”.

I parchi a tema in Giappone sono chiusi dai primi di febbraio per combattere la diffusione del virus. Alcuni parchi stanno provando timide riaperture ma per i maggiori, come Tokyo Disneyland e Universal Japan bisognerà aspettare ancora un po’.

LEGGI ANCHE

L’inchiesta di TPI sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro ora diventa un e-Book / 2. Con quella frase sulla mancata zona rossa Gallera ha confessato di essere inadeguato. Povera Lombardia (di G. Cavalli) /3. 2. Coronavirus, la Fondazione Gimbe: “Ragionevole sospetto che Lombardia aggiusti dati”

CORONAVIRUS: TUTTI I NUMERI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

232
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.