Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è Gergely Karácsony, il sindaco di sinistra e ecologista che ha battuto Orban a Budapest

Immagine di copertina
Gergely Karácsony Credit: Ansa

Quarantaquattro anni, di sinistra, ecologista: Karácsony ha trovato la ricetta vincente contro il sovranismo

Chi è Gergely Karácsony, il sindaco di sinistra e ecologista che ha battuto Orban a Budapest

Gergely Karácsony è il nuovo sindaco di Budapest. Il partito ungherese di destra radicale Fidesz, guidato dal primo ministro Viktor Orbán, il 13 ottobre ha perso le elezioni comunali in diverse altre città del paese. Quarantaquattro anni, di sinistra, ecologista: vediamo chi è il primo cittadino che ha trovato la ricetta vincente contro il sovranismo.

Gergely Karácsony chi è

Karácsony è stato candidato dai Verdi, ma è stato appoggiato in una coalizione inedita anche dal partito neonazista Jobbik il cui logo non compariva comunque sui manifesti. “Questo partito non è più di estrema destra, gli elementi più radicali se ne sono andati”, si era giustificato Karácsony poco prima del voto.

Il nuovo sindaco ha espugnato Budapest conquistando il 51 per cento dei consensi, davanti a Istvan Tarlos, che si è fermato al 44 per cento dei voti. Tarlos, al governo dal 2010, ha riconosciuto la vittoria dell’avversario, e si è congratulato con lui al telefono. Oltre a Budapest l’opposizione ha vinto le elezioni comunali anche in altre importanti città del paese, tra cui Miskolc, Seghedino e Eger, mentre Fidesz ha vinto a Debrecen, Győr, e Kecskemét.

Quello di Gergely Karacsony, 44 anni e professore di Scienze Politiche, è il profilo di un politico di centrosinistra con idee progressiste e di apertura rispetto alle politiche migratorie e impegnato nel proporre una svolta green al paese: “Riporteremo la città dal 20esimo secolo al 21esimo. Budapest sarà green e libera, la riporteremo in Europa”, ha dichiarato.

Karácsony ha basato la sua campagna elettorale sulle promesse di migliorare i trasporti pubblici e di rendere Budapest “una città verde”, ma non ha mai nascosto il fatto che il suo primo obiettivo fosse quello di “rompere il mito secondo cui Viktor Orbán è invincibile”.

Commentando i risultati, Orbán ha invece detto che la campagna elettorale è stata difficile e ha sottolineato che i candidati di Fidesz hanno comunque vinto in molte città, come Debrecen, Győr, e Kecskemét. Per Karácsony, invece, “la vittoria di Budapest è solo il primo passo per cambiare l’Ungheria”.

Andras Biro-Nagy, analista politico intervistato dal Guardian, ha spiegato che “la nuova strategia di cooperazione all’interno delle opposizioni funziona”, non solo nella capitale, ma anche in molte città di provincia e che i risultati delle amministrative rappresentano “la prima crepa” all’interno del sistema creato da Orbán.

La sconfitta di Orban è ancora più rilevante se si pensa che proprio in campagna elettorale per le comunali il premier magiaro aveva puntato tutto su una narrativa opposta a quella di Karácsony, con durissimi messaggi anti-migranti e anti-Europa.

Leggi anche:

La lezione di Budapest: ecco come si sconfigge un sovranista alle elezioni

Elezioni comunali in Ungheria: Orban perde Budapest e altre città

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown