Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I genitori di Patrick Zaky: “Nostro figlio detenuto da 8 mesi, terrorizzati che possa non finire mai”

Immagine di copertina

“Otto mesi di dolore e sofferenza senza alcuna indicazione di quando Patrick tornerà a casa o di un motivo chiaro per cui ci è stato portato via. Ricordiamo ancora il giorno in cui siamo andati a prenderlo all’aeroporto come se fosse ieri, tutta la confusione, la paura e l’ansia, quei sentimenti non ci hanno mai lasciati”. La famiglia di Patrick Zaky, lo lo studente egiziano dell’Università di Bologna in carcere in Egitto da febbraio, rilascia una dichiarazione pubblica: “Nostro figlio è detenuto da 8 mesi, questo è stato il periodo più pesante della nostra vita e chiediamo il suo rilascio immediato!”

Nella nuova udienza del processo che si è tenuta il 26 settembre in Egitto, alla quale il giovane non era presente, si è deciso un nuovo rinvio, al 7 ottobre.

“Durante gli ultimi mesi, siamo stati sopraffatti dalla quantità di amore e sostegno che abbiamo ricevuto da tutti, da amici di una vita a completi sconosciuti, persone che non hanno mai incontrato Patrick sono determinate ad essere la sua voce e questo ci ha riempito di orgoglio per la meravigliosa persona che abbiamo cresciuto. Eppure, ogni nuovo giorno ci siamo trovati di fronte alla realtà che nostro figlio è ancora in prigione e che il pensiero ci terrorizza. Abbiamo passato mesi senza vederlo e senza sentire la sua voce, riuscite a immaginare di non poter parlare con vostro figlio per mesi mentre sapete che sta soffrendo in una struttura di detenzione durante una pandemia?

E ora che le visite sono state riprese e che almeno riusciamo ad assicurarci che sopravviva, cominciamo a concentrarci sull’orribile realtà che Patrick potrebbe trascorrere mesi o addirittura anni di detenzione senza fine. In ogni singola udienza non possiamo fare a meno di sperare che venga rilasciato e ogni volta che il rinnovo della detenzione ci spezza il cuore. Siamo devastati da questo ciclo di rinnovi e siamo terrorizzati dal pensiero che possa non finire mai.

L’udienza per il rinnovo della detenzione di Patrick è prossimo mercoledì 7 ottobre, preghiamo e speriamo che la nostra sofferenza finisca presto e lo avremo con noi entro la fine di questa settimana”, concludono i familiari.

Leggi anche: 1. Zaky incontra la mamma dopo 5 mesi e mezzo: “Ha perso peso ma sta bene” / 2. Centonovantanove lettere per Patrick Zaky / 3. Noury (Amnesty) a TPI: “Governo fallimentare su Regeni e Zaky. L’ostilità alle Ong nasce con Minniti”

4. Egitto, altri 45 giorni di carcere per Patrick Zaky. Amnesty: “Decisione inumana” / 5. “Mi mancate, sto bene e un giorno tornerò libero”: Patrick Zaky dal carcere scrive alla famiglia / 6. Patrick Zaky compie 29 anni, il commovente augurio della compagna di corso: “Ti vogliamo libero”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”