Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ricordando Che Guevara

Immagine di copertina
Ernesto Che Guevara nel murale di Jorit. Credit: Instagram/Jorit

Il 9 ottobre 1967 moriva in Bolivia il condottiero eroe della rivoluzione cubana

Il 9 ottobre 1967 moriva in Bolivia Ernesto Che Guevara.

Ufficialmente Ernesto Che Guevara nacque a Rosario, in Argentina, il 14 giugno 1928, ma secondo un’amica della madre sarebbe nato un mese prima, il 14 maggio, quando i genitori non erano ancora sposati.

ernesto che guevara vita
Ernesto Che Guevara nel murale di Jorit. Credit: Instagram/Jorit

La data di nascita fu falsificata nei documenti ufficiali per evitare quello che allora sarebbe sembrato uno scandalo, e cioè che il Che fosse nato fuori dal matrimonio.

Che Guevara è stato ed è considerato tuttora un simbolo dell’ideale rivoluzionario. Nel 1951 raggiunse il Guatemala, dove gli venne dato il soprannome Che, dovuto all’omonima locuzione molto usata dagli argentini per attirare l’attenzione di un’altra persona.

Cinque canzoni che parlano di Che Guevara

Entrato in contatto con esuli cubani, si avvicinò alle idee marxiste e partì per Cuba nel 1956, dove partecipò alla rivoluzione cubana che il primo gennaio 1959 rovesciò il dittatore Fulgencio Batista e portò al potere Fidel Castro.

Nel 1965 Guevara si recò nell’allora Congo Belga, oggi Repubblica Democratica del Congo, per combattere a capo del contingente cubano al fianco dei ribelli marxisti Simba. Fu qui che decise di recidere ogni legame con Cuba per andare a combattere la rivoluzione in giro per il mondo.

Nel 1967 il Che andò a combattere in Bolivia, a combattere contro il presidente Barrientos Ortuno. La guerriglia, però, qui non ebbe particolare successo, e Guevara fu fatto prigioniero l’8 ottobre, braccato dall’esercito boliviano e dalla Cia. Il 9 ottobre, venne ucciso dalle truppe che lo avevano catturato.

A 47 anni di distanza dalla sua morte, il Che è ancora oggi considerato un simbolo di tutte le idee rivoluzionarie. La sua celebre immagine, immortalata dal fotografo Alberto Korda, resta un’icona storica, riprodotta ancora oggi su magliette e bandiere in tutto il mondo.

Manifestanti visti attraverso il poster dell’ex leader Fidel Castro e il rivoluzionario Che Guevara all’Avana, Cuba (Reuters/Desmond Boylan).

(Ha collaborato Giacomo Pagone)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”