Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni parlamentari in Moldavia: il paese conteso tra Russia e Occidente

Immagine di copertina
Credit: Daniel Mihailescu/AFP

Domenica 24 febbraio 2019 i cittadini moldavi sono chiamati alle urne per il rinnovo del Parlamento e per esprimere il loro parere tramite referendum consultivo sulla riduzione del numero dei parlamentari (da 101 a 61) e sulla revoca del singolo mandato parlamentare.

Il voto di domenica è considerato decisivo per l’orientamento geopolitico del paese, secondo gli analisti: i cittadini decideranno se Chisinau si avvicinerà alla Russia o all’Unione europea.

Il sistema elettorale

Il voto per il rinnovo del Parlamento si svolgerà secondo un sistema elettorale misto applicato per la prima volta nel paese e che vede in uso sia il proporzionale che il maggioritario.

Il nuovo sistema elettorale è stato introdotto in Moldavia con una legge elettorale del 2017 e voluta dal Partito democratico di Plahotniuc. La soglia di sbarramento per entrare in Parlamento è fissata al 6 per cento per i partiti all’8 per le coalizioni.

Per formare il nuovo governo un partito o un’alleanza deve avere 51 parlamentari (ossia il 50 per cento+1), ma secondi gli ultimi sondaggi difficilmente una delle formazioni politiche esistenti riusciranno a raggiungere questo risultato.

I candidati e i partiti

I candidati che si sono presentati alle elezioni per ricoprire i 101 seggi disponibili sono 954.

I partiti e le coalizioni sono: il Partito dei socialisti della Moldavia (PSRM), che può contare sul sostengo dell’attuale presidente Dodon e il cui leader è Zinaida Greceanii; il Partito democratico di Moldavia (PDM) del magnate Vladimir Plahotniuc; il Partito azione e solidarietà (PAS), di centro-destra e guidata da Maia Sandu; Piattaforma dignità e verità (PPPDA) di centro-destra e con a capo Andrei Nastase.

Piattaforma dignità e verità e il partito Azione e solidarietà si sono uniti in una coalizione elettorale chiamata Acum (Adesso), che in campagna elettorale ha puntato sulle riforme di giustizia, sanità, su un maggior avvicinamento all’Ue e sull’aumento del salario minimo.

Il Partito socialista si pone su posizioni più filo-russe e ha promesso di chiudere la sede della Nato presente nel paese, oltre ad opporsi fermamente all’unione della Moldavia con la Romania.

Il Partito democratico è invece considerato filo-occidentale e punta a stringere rapporti più forti con l’Unione europea.

La Transnistria

Al centro del dibattito elettorale moldavo vi è anche la risoluzione del problema della Transnistria, uno Stato de facto che farebbe parte della Moldavia ma che si è dichiarato indipendente dopo il crollo dell’Urss.

La regione proclamò l’indipendenza nel 1990, mossa che portò allo scoppio di una vera e propria guerra civile nel 1992, conclusasi grazie all’intervento della Russia e la creazione di una zona demilitarizzata.

Nel 2014 la Transnistria ha chiesto alla Russia di poter aderire alla Federazione, nello stesso anno in cui Mosca ha annesso con un referendum la penisola di Crimea.

Sul territorio sono presenti circa 2mila soldati russi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"