Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Egitto, arrestata la giornalista Nora Younis: polizia in redazione, sequestrati i pc

Immagine di copertina

Egitto, arrestata la giornalista Nora Younis, direttrice del sito al-Manassa

La giornalista Nora Younis è stata arrestata in Egitto nel pomeriggio di ieri, mercoledì 24 giugno 2020: la direttrice di al-Manassa è accusata di gestire un sito di notizie senza licenza operativa. Erano ben 8 gli agenti della sezione informatica della polizia che si sono presentati nella redazione del giornale, al Cairo, sequestrando due computer e chiedendo a Younis di seguirli al quartier generale della base tecnica per analizzare il contenuto dei pc. I poliziotti hanno detto alla giornalista che avevano intenzione di verificare se i programmi installati del sistema operativo open source Ubuntu fossero coperti da regolare licenza. Ma l’editore del sito, Sayyd Turki, ha denunciato che – una volta fuori dal giornale – l’auto con a bordo Nora Younis “non si è diretta verso la sede della polizia informatica, nel dipartimento di Giza, ma alla stazione di polizia di Maadi”.

Al-Manassa è uno degli oltre 500 domini oscurati dal regime guidato da Al-Sisi negli ultimi anni. Era il 2017 quando il sito è stato dichiarato fuorilegge: nonostante sia stato privato di visibilità e accessi diretti, però, il giornale ha continuato a svolgere la sua attività su piattaforme online capaci di bypassare l’embargo imposto dal governo del Cairo. In Egitto, infatti, perché le testate giornalistiche possano lavorare è prima necessario che vengano accreditate: non sempre, però, la licenza viene rilasciata, spingendo gli editori a trovare modi alternativi per poter andare online ed essere trovati dai lettori.

Nella mattinata di oggi, Nora Younis è comparsa davanti al pubblico ministero per rispondere delle accuse nei suoi confronti. La reporter è molto nota in Egitto e vanta una lunga carriera, durante la quale ha collaborato anche con il Washington Post, per cui si è occupata di diritti umani, soprattutto in relazione al suo Paese. Da sempre critica nei confronti del regime, anche quando al potere c’era Hosni Mubarak, Nora ha fondato nel 2015 al-Manassa. Nel 2008 ha vinto il premio di Human Rights Defender.

Il timore è che adesso la giornalista possa essere condotta nella sezione femminile del carcere di Qanater, a nord-ovest del Cairo, dove si trovano rinchiuse molte attiviste egiziane, tra cui anche Sanaa Seif, sorella dell’attivista e prigioniero di coscienza egiziano Alaa Abdelfattah, arrestata qualche giorno fa mentre si trovava con la madre Leila e la sorella Mona.

Leggi anche:

1. Egitto: arrestata direttrice dell’unico sito indipendente / 2. Retroscena: Armi all’Egitto, Conte ha fatto tutto da solo. Di Maio non si è opposto per salvare il governo / 3. “Le armi all’Egitto? Nel Mediterraneo c’è la guerra, l’Italia non può fare finta di nulla”

4. Dire “è colpa mia” ma non voler toccare nulla nei rapporti con l’Egitto (armi incluse) è una presa in giro / 5. Cecilia Strada a TPI: “Vendere armi all’Egitto vuol dire sostenere torture e uccisioni come quella di Regeni” / 6. Regeni, Di Maio risponde alle accuse: “La vendita delle armi all’Egitto non è conclusa”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / La Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli
Esteri / La variante Delta spaventa il mondo. Contagiosità, efficacia dei vaccini: cosa sappiamo