Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Egitto, rapita in pieno giorno l’attivista per i diritti umani Sanaa Seif

Immagine di copertina

La sorella del prigioniero di coscienza Alaa Abdelfattah è stata portata via in un minibus bianco, è riapparsa alla procura della Sicurezza di Stato due ore dopo

In Egitto le sparizioni forzate non si fermano mai, nemmeno per un giorno. Oggi, 23 giugno, è toccato a Sanaa Seif, sorella dell’attivista e prigioniero di coscienza egiziano Alaa Abdelfattah, in carcere con l’accusa di aver organizzato proteste contro il regime di Abdel Fattah Al-Sisi. Erano da poco passate le 14, Sanaa era con sua sorella Mona Seif e sua madre Laila Souef. La ragazza è stata fermata fuori dagli uffici della Procura di El Reha – nella Nuova Cairo – da persone in borghese scese da un minibus.

“Si tratta dell’ennesimo atto di rappresaglia contro la famiglia del blogger, ieri mentre erano fuori dalla prigione di Tora, sono state aggredite da un gruppo di donne che operano subito per conto del Ministero degli Interni. Hanno subito denunciato quanto avvenuto e sono andate personalmente dal procuratore per mostrare i lividi che gli avevano procurato durante l’aggressione” denuncia Mohamed Lofty, direttore della Commissione egiziana per la libertà e i diritti.

Come spiega Amnesty International Italia, in quel momento le tre donne e l’avvocato si stavano apprestando a sporgere denuncia contro ignote per l’aggressione e la rapina che avevano subito il giorno prima ai cancelli della prigione di Tora, dove è detenuto Alaa Abdelfattah e c’è anche Patrick Zaky. Laila Souef e Mona e Sanaa Seif erano ferme di fronte all’ingresso della prigione da due giorni, in attesa che venisse loro consegnata una lettera del congiunto. La famiglia di Abdelfattah ne ha ricevuto una tre settimane fa, che gli è stata consegnata solo dopo un’analoga pressione da parte di sua madre e delle sue sorelle  rimaste diversi giorni davanti alla prigione di Tora.

Nel tardo pomeriggio Sanaa Seif è riapparsa negli uffici della Procura suprema per la sicurezza dello stato ed è stata interrogata sulle accuse, mosse nei suoi confronti, di “diffusione di notizie false”, “incitamento a compiere reati di terrorismo” e “uso improprio dei social media”.

Amnesty International ha sollecitato il governo egiziano a garantire il rilascio immediato Sanaa Seif, a indagare sul rapimento odierno e sull’aggressione subita il giorno precedente, ad assicurare il regolare scambio di corrispondenza tra i familiari e Alaa Abdelfattah e a scarcerare quest’ultimo, in detenzione arbitraria dal settembre 2019.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare