Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Fatta a pezzi perché accusata di stregoneria

Immagine di copertina

Una donna della Papua Nuova Guinea è stata uccisa, perché accusata di aver scatenato un epidemia di morbillo con sortilegi di magia nera

Mifila, una donna della Papua Nuova Guinea, è stata uccisa e fatta a pezzi perché accusata di essere una strega. L’omicidio è avvenuto il 25 maggio nella provincial di Enga, provincia rurale nel nord del Paese.

I suoi assassini avevano preso di mira anche altre due donne. Dopo averle picchiate e rinchiuse in una capanna, le hanno però rilasciate perché le loro urla avevano attirato l’attenzione di altre persone del villaggio.

Le donne avevano già ricevuto minacce di morte da gennaio, ma la polizia non è riuscita a fermare l’attacco. Le intimidazioni erano iniziate in seguito a un epidemia di morbillo, che aveva ucciso varie persone nel villaggio e di cui le donne erano state reputate responsabili.

—> Leggi qui: La caccia alle streghe: secondo l’Onu ogni anno nel mondo migliaia di presunte fattucchiere vengono impiccate, bruciate vive o torturate

Basta poco per attirare su di sé i sospetti: calamità naturali, morti improvvise ed epidemie sono quasi sempre attribuite alla magia nera. In Papua Nuova Guinea pochi casi vengono investigati e una legge che giustificava atti di violenza compiuti contro le streghe è stata abolita soltanto nel 2013.

“Questo circolo vizioso di omicidi evidenzia il fallimento del governo in Papua Nuova Guinea nel fermare gli attacchi contro le presunte streghe”, dice Kate Schuetze, ricercatrice di Amnesty International.

Mifila è una delle centinaia di donne in Papua Nuova Guinea vittime della moderna “caccia alle streghe”. Ad aprile altre quattro persone del villaggio di Kaiwe sono state accusate di stregoneria e torturate da altri abitanti del villaggio. Si salvarono solo grazie all’intervento della polizia e dei familiari.

Secondo gli ultimi studi dell’Onu, ogni anno migliaia di presunte fattucchiere vengono impiccate, bruciate vive, torturate o cacciate via dalla loro comunità.

—> Leggi qui: La caccia alle streghe

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / La Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli
Esteri / La variante Delta spaventa il mondo. Contagiosità, efficacia dei vaccini: cosa sappiamo