Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Covid, l’epidemiologo della task force di Biden : “La prossima pandemia sarà peggiore. Dobbiamo prepararci”

Michael T. Osterholm è stato appena nominato membro della task force contro il Covid-19 del nuovo presidente Usa Joe Biden. In un'intervista a Repubblica mette in guardia dai rischi della prossima epidemia

Di Anna Ditta
Pubblicato il 27 Nov. 2020 alle 09:54 Aggiornato il 27 Nov. 2020 alle 09:55
248
Immagine di copertina

“Non posso dire con certezza che la prossima pandemia sarà più grave di questa, ma certamente prima o poi ne arriverà una peggiore”. A sostenerlo è l’epidemiologo americano Michael T. Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy (CIDRAP) all’Università del Minnesota, appena nominato membro della task force contro il Covid-19 del nuovo presidente Joe Biden. Osterholm affronta l’argomento in un’intervista a Repubblica, in occasione dell’uscita dell’edizione italiana del suo libro “Il peggior nemico. Come vincere la battaglia contro malattie infettive ed epidemie”, scritto a quattro mani con Mark Olshaker e pubblicato da Aboca.

Sulla pandemia, sostiene Osterholm, “abbiamo notizie buone e notizie cattive. La buona notizia è che il lavoro sui vaccini sta procedendo molto rapidamente, molto più di quanto immaginassimo. Ora dobbiamo aspettare l’iter di approvazione, dobbiamo lavorare sui processi produttivi e di distribuzione e poi potremo somministrarlo alle persone, e sono certo che questo avrà un grande impatto sull’epidemia”. La cattiva invece, è che si dovrà ancora aspettare: “Non penso che vedremo vaccini prima del secondo o terzo trimestre del 2021“, sostiene l’epidemiologo.

Sulla prossima pandemia, Osterholm dichiara: “Se dovesse essere simile a quella del 1918, per esempio, colpirebbe persone tra i 18 e i 30 anni, e quindi sarebbe tutto molto diverso. Spero veramente che la prossima pandemia non ci colga alla sprovvista, ma abbiamo bisogno di un livello molto più elevato di preparedness: al prossimo virus dobbiamo sapere in anticipo che tipo di vaccini dobbiamo sviluppare e come produrne rapidamente di migliori. E lo stesso vale per quanto riguarda la supply chain: dovremo distribuire farmaci e dispositivi di protezione in modo assai più efficiente di quanto abbiamo fatto oggi. Questo vorrebbe dire che abbiamo imparato tanto da questa pandemia. Tutto quello che stiamo sperimentando oggi deve essere registrato per poterci essere utile in futuro. Quando tutto questo sarà finito dobbiamo essere certi di avere imparato la lezione, così da essere più preparati in futuro”.

Sulle azioni da intraprendere per prevenire la prossima pandemia, Osterholm  commenta: “Come CIDRAP stiamo lavorando insieme a diverse centinaia di altre organizzazioni allo sviluppo di un vaccino per l’influenza. Un giorno avremo un vaccino antinfluenzale potenzialmente universale, e che quindi cambierà le carte in tavola: potrebbe prevenire i ceppi emergenti di influenza o, se il contagio si dovesse diffondere, potrebbe consentirci di vaccinare rapidamente l’intera umanità. In questo senso sono ottimista, per quanto riguarda l’influenza siamo sulla strada giusta. Per quanto riguarda l’attuale pandemia, questa non sarà certamente l’ultima che dovremo affrontare. Ma almeno stiamo imparando un sacco di cose sui Coronavirus”.

Leggi anche: 1. La nuova squadra di Joe Biden: tutti gli uomini (e le donne) del presidente vengono da Clinton e Obama /2. Belgio, il paese dove la polizia potrà suonare alla porta per controllare quante persone siedono alla tavola di Natale /3. Covid, AstraZeneca ammette: “Grazie a un errore nel dosaggio il nostro vaccino è più efficace”/4. Usa, va in ospedale per mal di pancia e scopre di avere il Covid: morta 14enne in terapia intensiva

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

248
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.