“In Cina i contagiati sono seguiti con le app”: parla Cheng, al 60esimo giorno di quarantena

Intervista a Liu Cheng, nella provincia di Shandong e al suo 60esimo giorno di quarantena (23 marzo).

Di Elena Brunello
Pubblicato il 27 Mar. 2020 alle 16:41 Aggiornato il 27 Mar. 2020 alle 16:43
191

Cheng parla della sua esperienza e dà consigli a chi come noi è ancora all’inizio sui diversi stadi psico-emotivi che si attraverseranno in due mesi di quarantena. Rende subito chiaro che in Cina esistono due diversi tipo di “lockdown”.

Cheng racconta di come la Cina sia stata severa con tutte le sue misure restrittive sulla quarantena: “A Wuhan il cibo veniva consegnato solo e unicamente sulla porta di casa uguale per tutti “. Nella sua provincia invece, dove il lockdown è più lieve e i casi sono meno, si può uscire solo per fare spesa e prendere medicine ma comunque lo staff all’uscita del portone ti misura sempre la temperatura e chiede dove vai.

Se ordini la spesa a casa chi ha portato il cibo è obbligato a mettere un’etichetta sulla scatola con la temperatura al momento della preparazione del cibo. Ci sono delle app sviluppate da WeChat e Alibaba che ti permettono di controllare live street view dove ci sono stati casi di Covid-19 vicini, in modo da evitare quelle strade ed evitare di ammalarsi e riempire ospedali.

“Il modo migliore per aiutare il prossimo – dice Cheng – è quello di stare in casa e non ammalarsi, ovviamente”. “Quando tutto questo avrà fine – dice Cheng – la prima cosa che vorrà cambiare sarà stabilire legami più profondi con le persone. Non vorrà continuare la mia vita concentrata solo sul lavoro e la routine come prima, ma vorrò far tesoro dei legami umani e degli affetti con amici, colleghi e famiglia”.

Un giorno dopo l’intervista, la Cina ha comunicato che Wuhan terminerà la sua quarantena l’8 aprile. Il giorno dopo l’annuncio, Cheng uscirà di casa per la prima volta e andrà a trovare la sua famiglia.

“L’intervista a Cheng” (come anche il primo episodio pubblicato su TPI) è stata estratta dal progetto QUARANTINE, un documentario di Elena Brunello che in questi giorni sta filmando e documentando molti degli aspetti della vita in quarantena”. 

Leggi anche:

1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. G7, Trump vuole chiamare il Coronavirus “virus di Wuhan”. Gli altri stati: “Inaccettabile” / 3. L’Italia dice no alla bozza Ue. Conte: “10 giorni per trovare una soluzione”

4. Armani converte la produzione di moda in camici per i medici  5. Al via il bando della Protezione Civile per una task force di 500 infermieri volontari / 6. Cambia nuovamente il modulo per l’autocertificazione: ecco il nuovo modello

7. La bufala del decreto intercettazioni approvato in piena emergenza Coronavirus che sta girando su Whatsapp / 8. Le rivelazioni dei medici dell’ospedale Villa Scassi a Genova: “Costretti a lasciar morire i pazienti” / 9. L’intervista impossibile al Coronavirus: tutte le domande che vorreste fare al Covid-19 (e le sue risposte)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

191
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.