Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cina: “Con gli Stati Uniti a un passo da una nuova Guerra Fredda”

Immagine di copertina
Credit: Ansa Foto

Cina: “Con gli Stati Uniti a un passo da una nuova Guerra Fredda”

Tensione sempre crescente tra Cina e Stati Uniti. I due Paesi sono “a un passo da una nuova Guerra Fredda”: a dirlo è il ministro degli Esteri Wang Yi, parlando in conferenza stampa a margine dei lavori della sessione parlamentare, secondo il quale Pechino e Washington “non dovrebbero avere conflitti e cooperare in una logica win-win e di rispetto reciproco”.

 

 

Allo stesso tempo, ha aggiunto, “gli Usa devono rinunciare a voler cambiare la Cina e rispettare” la sua volontà di sviluppo della nazione. D’altronde le tensioni tra le due superpotenze vanno avanti da mesi, prima per la guerra dei dazi, ora per le accuse sulla genesi del Coronavirus. Pechino ha definito “immorali e inaccettabili” le cause legali intraprese nel mondo contro il Paese per la pandemia di Covid-19.

Oggi nel corso della conferenza stampa del ministro degli Esteri cinese è arrivata un’altra importante apertura per quanto riguarda la lotta al virus. La Cina è pronta a una collaborazione internazionale per identificare le origini del Coronavirus. Una collaborazione libera da ogni “ingerenza politica”. Secondo Wang Yi, infatti, gli Stati Uniti  sono colpevoli di aver diffuso “informazioni non confermate” e di “stigmatizzare” la Cina. Il riferimento neanche troppo velato è alle dichiarazioni del presidente Trump che continua a parlare di un “virus cinese”, alludendo all’ipotesi che possa essere stato creato artificialmente in un laboratorio di Wuhan.

La Cina di oggi non è quella di cento anni fa. Chiunque cerchi di usare ridicole accuse per minare la nostra sovranità andrà contro se stesso”, ha aggiunto Wang Yi, difendendo l’operato della Cina. Ricattare Pechino sul tema del Coronavirus, ha sottolineato il ministro, “è una fantasia e non funzionerà”.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Leggi anche: Coronavirus, Trump alla giornalista di origini asiatiche: “Faccia alla Cina questa domanda” | VIDEO  / 2. Esclusivo TPI: Covid, i soldi per la ripartenza? Il comune di Bergamo li assegna a chi produce armi, ma non alle piccole imprese / 3. Coronavirus, dopo la gaffe sull’indice di trasmissibilità ora Gallera se la prende con TPI: “Pseudo-giornalisti”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia
Esteri / Brasile: Lula e Bolsonaro al ballottaggio il 30 ottobre. L’ex presidente al 48,3%, la destra al 43,7%
Esteri / La Nato avverte Mosca: “Se Putin usa armi nucleari, conseguenze serie”
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie