Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il governo cinese ordina la chiusura di tutte le imprese nordcoreane in Cina

Immagine di copertina
Alcuni lavoratori nordcoreani producono scarpini da calcio in una fabbrica a Dadong, in Cina, al confine con la Corea del Nord

L'annuncio è arrivato dal ministero del Commercio cinese, in conseguenza delle sanzioni imposte a Pyongyang dalle Nazione Unite. Le aziende avranno 120 giorni per attenersi al provvedimento

Il ministero del Commercio cinese ha ordinato la chiusura di tutte le società nordcoreane con sede nel paese entro 120 giorni, in conseguenza delle sanzioni economiche imposte nel pomeriggio di lunedì 11 settembre dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dopo l’ultimo test nucleare di Pyongyang.

A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters. La mossa di Pechino intende aumentare la pressione internazionale sulla Corea del Nord perché interrompa i suoi test missilistici e i suoi esperimenti nucleari che minacciano la pace nel teatro dell’Asia – Pacifico.

Secondo quanto apparso sul sito del ministero del Commercio di Pechino, dovranno chiudere anche tutte le imprese a partecipazione mista cinese e nordcoreana, così come le partnership e le joint venture di società cinesi con entità o individui provenienti dalla Corea del Nord.

Questa misura invece non prevede ancora un termine ultimo per essere eseguita. Il 21 settembre, la Banca centrale cinese aveva ordinato agli istituti di credito del paese di smettere di collaborare con il regime nordcoreano.

All’inizio della settimana invece, la Corea del Nord aveva dichiarato “inevitabile” un attacco contro gli Stati Uniti, in seguito alle dichiarazioni del presidente Donald Trump considerate una “dichiarazione di guerra”.

In una conferenza stampa infatti, Trump aveva detto: “Siamo completamente preparati per l’opzione militare, anche se non è la nostra preferita”. Washington aveva poi imposto nuove sanzioni nei confronti di alcuni cittadini nordcoreani.

Secondo quanto riferisce il Dipartimento del Tesoro statunitense, 26 persone e nove banche nordcoreane sono state colpite dai nuovi provvedimenti economici restrittivi.

Tra gli intermediari finanziari coinvolti alcuni avevano legami con la Cina. Un elenco comparso sul sito-web del Dipartimento del Tesoro presentava inoltre sanzioni contro alcuni cittadini nordcoreani che vivono in Cina, in Russia, in Libia e negli Emirati Arabi Uniti.

Le sanzioni dell’Onu

Nella loro bozza presentata il 7 settembre, gli Stati Uniti avevano proposto l’adozione di una serie di disincentivi economici verso la Corea del Nord, incluso un divieto totale di forniture di prodotti petroliferi a Pyongyang, il sequestro di beni del leader nordcoreano Kim Jong-un e il divieto del leader e di altri ufficiali di viaggiare.

La risoluzione approvata l’11 settembre però contiene misure più leggere, in particolare:

  • la restrizione delle forniture di petrolio a Pyongyang. La Cina, il principale alleato economico di Pyongyang, rifornisce il paese di gran parte del suo greggio
  • il divieto di esportazioni tessili del paese (il secondo maggior settore di export del paese, per un valore complessivo di oltre 700milioni di dollari all’anno
  • alcune misure per limitare la possibilità dei cittadini nordcoreani di lavorare all’estero.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei: distrutto il grattacielo dei media e la casa del capo di Hamas a Gaza
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei: distrutto il grattacielo dei media e la casa del capo di Hamas a Gaza
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown