“Hai un tumore gravissimo”: masectomia e chemio per una 28enne che poi scopre di non essere malata

L'ospedale dove era in cura ha ammesso di aver commesso un errore nella diagnosi

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 22 Lug. 2019 alle 19:36 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:46
0
Immagine di copertina
Sarah Boyle

Una 28enne britannica è stata costretta a subire un calvario indicibile per colpa di un grave errore umano. Alla giovane era stata diagnosticata una forma molto grave di tumore alla mammella a cui erano seguiti pesanti cicli di chemioterapia e una doppia mastectomia.

Peccato però che Sarah Boyle non era affatto malata come ammesso poi, a distanza di tempo, dall’ospedale che le aveva diagnosticato il cancro. Un clamoroso errore compiuto dal Royal Stoke University Hospital, nella contea inglese dello Staffordshire, che è rimbalzato su tutti i media britannici.

La diagnosi errata di carcinoma mammario triplo negativo era arrivata alla fine del 2016 ma la struttura ospedaliera ha scoperto il suo errore solo alcuni mesi dopo, a luglio 2017, quando la 28enne si era già sottoposta a diversi cicli di chemio e a importanti interventi chirurgici.

Ora i medici rischiano di essere colpiti dalla richiesta di un maxi risarcimento. Gli avvocati della donna, mamma di 2 bambini, sostengono che la diagnosi errata si sia verificata perché un campione di biopsia è stato registrato in modo sbagliato.

“Una diagnosi errata di questo tipo è eccezionalmente rara – ha spiegato un portavoce dell’ospedale universitario di North Midlands  – Capiamo quanto sia stata devastante per Sarah e la sua famiglia. Si è trattato di un errore umano”.

Sarah Boyle, da parte sua, ha raccontato gli ultimi drammatici anni della sua vita:”Sono stati incredibilmente difficili per me e la mia famiglia. Sapere di avere un cancro mi sembrava orribile, ma ora, dopo il trattamento e la chirurgia, sentirmi dire che tutto questo non era necessario, è davvero un trauma enorme.

Come se ciò non fosse abbastanza grave, ora sono preoccupata della possibilità di sviluppare davvero il cancro in futuro, a causa del tipo di impianti mammari che ho”, ha spiegato la donna.

Tumore al seno in fase avanzata, un nuovo farmaco aumenta la sopravvivenza delle donne

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.