Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Charlie Hebdo, arrestato a Gibuti la mente dell’attacco alla rivista francese

Immagine di copertina

L'uomo, 36 anni, è anche noto con lo pseudonimo di Abu Hamza: gli agenti erano sulle sue tracce dal 2011

È stato arrestato a Gibuti Peter Cherif, il jihadista francese accusato di essere la “mente” dietro l’attentato alla sede del settimanale satirico Charlie Hebdo.

L’uomo, 36 anni, è anche noto con lo pseudonimo di Abu Hamza: gli agenti erano sulle sue tracce dal 2011. Dopo l’arresto, Peter Cherif è in attesa di essere estradato in Francia.

Vicino ai due fratelli Kouachi, che hanno aperto il fuoco nella sede parigina di Charlie Hebdo, è sospettato di aver ordinato l’attacco contro il settimanale satirico.

Secondo una fonte vicina alle indagini, Cherif è stato arrestato il 16 dicembre dalla polizia francese.

L’uomo era noto agli agenti per aver commesso piccoli furti e per essersi nel tempo convertito all’Islam radicale. Peter Cherif era sotto osservazione delle forze di sicurezza dopo aver combattuto per anni in Iraq e nello Yemen: proprio da lì è partito l’ordine di  attaccare la sede di Charlie Hebdo come vendetta per la pubblicazione delle caricature del profeta Maometto pubblicate sulla rivista.

L’attentato – Il 7 gennaio 2015 i fratelli Said e Cherif Kouachi fecero irruzione nella sede parigina della rivista satirica Charlie Hebdo, aprendo il fuoco e uccidendo 12 persone.

Tra le vittime ci furono 8  giornalisti, due agenti di sicurezza addetti alla protezione del direttore, un ospite presente alla riunione di redazione e il portiere dell’edificio.

Nell’attentato persero la vita anche il direttore del settimanale, Stephan Charbonnier, detto Charb, e i vignettisti Cabu, Tignous, Philippe Honoré e Georges Wolinski.

I fratelli Kouachi invece sono stati uccisi il 9 gennaio durante l’irruzione nella tipografia presso la quale si erano barricati dopo un conflitto a fuoco con la gendarmeria nazionale francese. Anche l’altro terrorista, Amedy Coulibaly, è stato ucciso a Porte de Vincennes, nella zona est di Parigi.

L’attacco era stato condotto come vendetta nei confronti della rivista che a febbraio del 2006 aveva ripubblicato una serie delle caricature di Maometto, scatenando numerose proteste.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora