Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Carola Rackete fermata in Germania: protestava contro l’abbattimento degli alberi

Immagine di copertina

Carola Rackete fermata in Germania: protestava contro abbattimento alberi

L’ex capitana della nave Sea Watch 3, Carola Rackete, è stata fermata in Germania dalla polizia durante alcune preteste contro l’abbattimento degli alberi di un’antica foresta, il Dannenroeder Forst. La manifestazione, organizzata dal gruppo “Dannenroeder Wald Besetzung”, è stata indetta dopo la decisione di eliminare una porzione di 27 ettari della foresta per far spazio all’estensione di un’autostrada in Assia, l’A49. Secondo quanto si apprende, Carola Rackete è stata fermata per aver occupato una piattaforma in una sorta di atto dimostrativo. Adesso si trova in custodia cautelare. Sul web, in queste ore, stanno circolando una serie di immagini in cui si vede l’ex capitana della Sea Watch 3 mentre viene portata via dalle forze dell’ordine.

Secondo alcuni media, durante la protesta alcuni manifestanti hanno lanciato petardi e fumogeni contro la polizia. Ci sarebbero stati anche altri fermi. Carola Rackete è stata portata via da una casa costruita provocatoriamente dagli attivisti su un albero. In una dichiarazione, l’ex capitana della Sea Watch 3 ha lanciato un appello a unirsi alla resistenza contro l’abbattimento degli alberi secolari del Dannenroeder Forst. “Non possiamo restare a casa e sperare che altri facciano il lavoro scomodo al posto nostro”.

Lo scorso anno, Rackete era finita al centro di una polemica con il governo italiano – allora guidato da Lega e M5s – dopo che la sua nave aveva soccorso 50 migranti nel mar Mediterraneo. Nonostante la mancata autorizzazione allo sbarco da parte del Viminale, Rackete aveva diretto la Sea Watch 3 verso il porto di Lampedusa.

Leggi anche: 1. Carola Rackete, insulti social da una poliziotta di Grosseto: “Zecca e terrorista” / 2. Carola Rackete, nuovo attacco a Salvini: “Ecco la verità sullo speronamento della Guardia di Finanza” / 3. Carola Rakete: “Non ho salvato migranti, ho salvato vite umane” / 4. Carola Rackete contro la Ue: “Vuole che i migranti affoghino. La pandemia? Una scusa per non far rispettare le leggi del mare”

Ti potrebbe interessare
Esteri / La premier finlandese va in discoteca dopo essere stata in contatto con un positivo. “Mi dispiace”
Esteri / Variante Omicron, Regno Unito rischia 1 milione di casi. Parte il “piano B”: green pass e mascherina al chiuso
Cronaca / Patrick Zaki esce dal carcere dopo 22 mesi: “Grazie a chi mi ha sostenuto. Avete tenuto accesa la luce”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La premier finlandese va in discoteca dopo essere stata in contatto con un positivo. “Mi dispiace”
Esteri / Variante Omicron, Regno Unito rischia 1 milione di casi. Parte il “piano B”: green pass e mascherina al chiuso
Cronaca / Patrick Zaki esce dal carcere dopo 22 mesi: “Grazie a chi mi ha sostenuto. Avete tenuto accesa la luce”
Esteri / Germania, Olaf Scholz è il nuovo cancelliere: dopo 16 anni Angela Merkel lascia il governo
Esteri / “Abbiamo lasciato morire i civili sotto i Talebani”: la testimonianza shock di un funzionario britannico
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Esteri / India, precipita elicottero che trasportava il capo delle forze armate: almeno 13 morti
Esteri / Turismo spaziale, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa è partito per l’Iss dove trascorrerà 12 giorni
Esteri / “Perché non indossi l’hijab?”: la polizia iraniana aggredisce una donna su un bus | VIDEO
Esteri / Mosca ammassa truppe al confine con l’Ucraina. Biden minaccia Putin di forti sanzioni: “Tornare alla diplomazia”