Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brexit, come cambia il Parlamento Ue dopo il divorzio

Immagine di copertina
Membri del Regno Unito al Parlamento europeo, nel giorno del divorzio Credit: Ansa

Quanti seggi saranno redistribuiti e a quali partiti? L'Europarlamento si ridisegna

Brexit, come cambia il Parlamento Ue dopo il divorzio

La Brexit avrà delle conseguenze dirette sulla composizione del Parlamento Ue, oltre a tanti cambiamenti per i cittadini inglesi e comunitari.

Dalla mezzanotte del 31 gennaio 2020 (le 23 di Londra) la Gran Bretagna ha salutato l’Ue e la Manica ed tornata essere un confine europeo, fra il continente e l’isola. E anche da Bruxelles iniziano le trasformazioni.

Brexit, il nuovo Parlamento Ue

In totale, dopo Brexit, il numero di eurodeputati passa dai 751 attuali a 705.

Cinque eurodeputati in più per i popolari, sei in meno per i socialisti, mentre i liberali perdono 11 seggi. Dopo il voto dell’Europarlamento che ha approvato l’accordo di ritiro del Regno Unito dall’Unione europea, si ridisegna l’emiciclo dell’Eurocamera.

Nel giorno in cui Londra è ufficialmente fuori dall’Unione, 73 deputati britannici lasciano infatti i loro scranni a Bruxelles e Strasburgo: 27 di questi seggi saranno distribuiti tra 14 stati membri (Francia (+5), Spagna (+5), Italia (+3), Paesi Bassi (+3), Irlanda (+2), Svezia (+1), Austria (+1), Danimarca (+1), Finlandia (+1), Slovacchia (+1) Croazia (+1), Estonia (+1), Polonia (+1) e Romania (+1), mentre i 46 rimanenti resteranno non assegnati in caso di eventuali nuovi ingressi di paesi terzi nella Ue.

Seggi redistribuiti

I parlamentari dei diversi Paesi che prenderanno il posto dei deputati britannici decaduti sono già stati eletti formalmente o sono già noti, anche se non ancora stati designati. Nessuno Stato membro che riceverà i seggi lasciati vacanti dai britannici dovrà organizzare elezioni suppletive.

Dei 27 seggi che saranno redistribuiti 5 andranno al Ppe, 4 ai Socialisti (che però ne perdono 10 e dunque in totale vanno a meno 6) altri sei ai liberali di Renew Europe (che ne perdono 17 e dunque calano di 11) 3 al gruppo di Identità e Democrazia. I Verdi perdono 7 seggi, i conservatori di Ecr 3, la sinistra della Gue perde un seggio.

Una cosa è certa: nel giorno del saluto degli eurodeputati inglesi all’Emiciclo europeo non sono mancate le lacrime.

Leggi anche:

È il giorno della Brexit: cosa cambia per il Regno Unito e per l’Unione europea

Quanto costa la Brexit: la sterlina, il commercio e il gioiello della City che fa gola a Parigi e Francoforte

Per viaggiare nel Regno Unito servirà il passaporto e un visto elettronico: il piano dei Tory dopo la Brexit

Effetto Brexit: oltre 1 milione di cittadini britannici a caccia di passaporti europei

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri