Effetto Brexit: oltre 1 milione di cittadini britannici a caccia di passaporti europei

L'uscita dall'Unione europea spaventa i cittadini britannici: è corsa alla richiesta di passaporti Ue. La media è arrivata a 5mila emissioni giornaliere

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 29 Dic. 2019 alle 11:30
361
Immagine di copertina

Brexit, oltre 1 milione di cittadini britannici a caccia di passaporti europei

Dall’Irlanda è record di richieste di cittadinanza nel corso del 2019: quasi 1 milione di nuovi passaporti distribuiti in un anno, con punte che sfiorano i 100mila al mese e i 5mila al giorno.

Ma perché così tante persone vogliono un passaporto irlandese? È presto detto: l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Verifichiamo così i primi effetti della Brexit.

“Nel 2019, scrivono dal Dipartimento degli affari esteri di Dublino, sono stati rilasciati oltre 900mila passaporti irlandesi, un nuovo record, che rappresenta un aumento del 7% rispetto al 2018. Durante i periodi di punta, sono state presentate oltre 5.800 domande da tutto il mondo in un solo giorno. Continuando la tendenza da record, le domande mensili totali hanno superato le 100mila a gennaio, marzo, aprile e maggio nel 2019”.

La stragrande maggioranza delle richieste di cittadinanza proviene dal Regno Unito. In parte dai residenti in Irlanda del Nord, la parte britannica dell’isola, i quali hanno automaticamente diritto a ottenere la cittadinanza della Repubblica d’Irlanda, mantenendo la propria, ossia avendo la doppia cittadinanza, in base agli accordi di pace del 1998.

Per il resto le richieste giungono dalla Gran Bretagna, cioè da tutti coloro che in Inghilterra, Scozia e Galles di colpo sentono l’esigenza di potere continuare ad avere un passaporto europeo.

Dopo la vittoria alle urne di Boris Johnson il 12 dicembre e il voto del nuovo parlamento britannico che nei giorni successivi ha infine approvato l’accordo di uscita dalla Ue, la Brexit diventa realtà. Così molti cittadini non vogliono rinunciare al passaporto europeo e vanno alla ricerca di origini europee.

Secondo Quartz, i dati dicono che un altro Paese molto gettonato per il rilascio di passaporti è la Svezia. I cittadini del Regno Unito hanno presentato un numero record di domande di passaporto svedese nel 2019: erano oltre 4.400 alla fine di novembre. Più del doppio di un anno fa.

È chiaro che i cittadini del Regno Unito non vogliono perdere i vantaggi che un passaporto europeo può dare: risedere e lavorare in qualsiasi altro Paese dell’Unione, senza bisogno di visti particolari. Diritto all’assistenza medica completa, grazie alla famosa tessera sanitaria, in ognuno dei 27 Paesi Ue.

Inoltre chi ha un passaporto europeo può visitare gli altri Paesi dell’Unione senza la necessità di un visto elettronico, che invece servirà per accedere alla Gran Bretagna a partire dal 2021.

Leggi anche:

Per viaggiare nel Regno Unito servirà il passaporto e un visto elettronico: il piano dei Tory dopo la Brexit

Qui tutte le ultime notizie sulla Brexit

“Tutti pazzi per Boris”

361
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.