Caos Bielorussia, Svetlana Tikhanovskaya ha lasciato il Paese e si è rifugiata in Lituania

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 11 Ago. 2020 alle 08:40 Aggiornato il 11 Ago. 2020 alle 08:47
295
Immagine di copertina

“Svetlana Tikhanovskaya è al sicuro, è in Lituania”. Lo ha scritto su twitter il ministro degli Esteri lituano Linas Linkevicius. La candidata d’opposizione alle presidenziali bielorusse, vinte tra accuse di brogli dall’autoritario leder Aleksandr Lukashenko, aveva contestato i risultati chiedendo un riconteggio delle schede e da ieri sera si erano perse le sue tracce.

Per presentare ricorso, Tikhanovskaya si era recata alla commissione elettorale centrale a Minsk, dove dal suo staff si era diffusa la notizia che fosse stata trattenuta dalle autorità. Il marito di Tikhanovskaya, Serghei Tikhanovsky, un popolare blogger che aveva provato a candidarsi era stato arrestato a maggio, mentre i figli della coppia erano stati mandati all’estero per precauzione.

Le elezioni presidenziali si sono svolte in Bielorussia il 9 agosto, l’attuale capo di stato Alexander Lukashenko, secondo i dati del Comitato elettorale centrale, ha vinto con circa l’80% dei voti.

Domenica sera sono iniziate proteste di massa non autorizzate in diverse città della Bielorussia. I manifestanti nel centro di Minsk hanno eretto barricate fatte di bidoni della spazzatura. La polizia ha lanciato contro alcuni manifestanti gas lacrimogeni, idranti e granate assordanti e li ha allontanati dal centro della città. Durante le proteste non ci sono state vittime, diverse persone sono state portate in ospedale.

Leggi anche: 1. Bielorussia, le proteste dell’opposizione dopo la vittoria di Lukashenko “ultimo dittatore d’Europa” | FOTO /2. Bielorussia, 3mila arresti e 200 feriti nelle proteste dopo la vittoria di Lukashenko

295
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.