Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’ong che insegna alla donne analfabete a diventare ingegneri solari

Immagine di copertina

L'organizzazione indiana Barefoot College punta sullo sviluppo delle comunità rurali insegnando a madri e nonne dei paesi meno sviluppati come produrre energia pulita

Le persone che vivono senza elettricità nel mondo sono 1,2 miliardi. Portare la corrente elettrica a tutti sembra impossibile, ma un’organizzazione indiana ha deciso di provarci partendo da un’idea particolarmente originale: insegnare a donne analfabete o semianalfabete di mezza età, provenienti da villaggi rurali di tutto il mondo, come diventare ingegneri solari.

Zafitsiha vive a Tsaratanana, in Madagascar, dove circa l’85 per cento della popolazione non ha accesso all’energia elettrica. Da marzo a ottobre del 2013 lei e altre due donne del villaggio sono partite per frequentare un corso al Barefoot College di Tilonia, una città nello stato desertico del Rajasthan, nel nordovest dell’India.

Era la prima volta che Zafitsiha prendeva l’aereo. Per sei mesi è stata lontana da casa, dove ha lasciato due figli e due nipoti, per destreggiarsi tra schemi e difficili lezioni.

Tre anni dopo il suo ritorno, Zafitsiha ha raccontato la sua storia ai giornalisti di Der Spiegel, dicendo di essere riuscita a cambiare più cose a Tsaratanana di quanto avrebbe mai immaginato.

Il Barefoot College (letteralmente “Università dei piedi scalzi”) è un’ong indiana che si basa sul principio per cui è meglio risolvere i problemi locali a livello locale. Quando interviene su un territorio, la squadra instaura rapporti con gli anziani del posto, che aiutano a identificare le future tirocinanti e a rendere effettivo il sostegno dell’organizzazione alla comunità.

Le tirocinanti sono donne analfabete o semianalfabete che mantengono un forte radicamento nelle loro comunità. Dopo essersi formate, le donne tornano nei loro villaggi, dove forniscono gruppi di 50 capanne con unità solari e garantiscono la loro manutenzione. Sono le stesse comunità a garantire la copertura dei costi.

L’organizzazione cerca in questo modo di combattere la cosiddetta “povertà energica” e tutto ciò che essa comporta. Solo con l’elettricità, infatti, gli adulti sono in grado di lavorare di notte, i medici possono svolgere operazioni chirurgiche senza ricorrere alla luce delle torce e le medicine possono essere conservate in frigorifero.

Al tempo stesso, l’organizzazione mira a rafforzare il ruolo delle donne nelle loro comunità, in cui spesso sono gli uomini a prendere decisioni importanti e avere il controllo del denaro. Per questa ragione Barefoot College offre corsi di formazione esclusivamente alle donne. In tal modo, queste possono diventare indipendenti economicamente e divenire un modello per le altre donne.

Florentine ha 42 anni e ha raggiunto il Barefoot College dall’America centrale nel 2014. È originaria del villaggio di Santa Teresa, nel distretto di Toledo, in Belize. In un’intervista ad Al Jazeera ha detto che prima di iniziare il tirocinio al Barefoot College la sua vita ruotava intorno alle piantagioni di mais e manioca. “Non avevo idea di cosa fosse un pannello solare o che il sole potesse produrre energia elettrica”, ha detto, “ma ora posso sistemare un pannello solare”. 

Dal 2003 ad oggi Barefoot College sostiene di aver fornito energia elettrica a più di mezzo milione di famiglie in un totale di 72 paesi tra Africa, Medio oriente, Asia e America Latina. Gli ingegneri solari formati dai suoi corsi vengono spesso chiamati a insegnare ad altre donne in tutto il mondo.

L’idea è quella di creare un effetto valanga che attivi un cambiamento di vasta portata nei paesi più poveri del mondo. Entro la fine del 2017 l’organizzazione vuole arrivare a fornire energia elettrica a un milione di abitazioni. Negli anni successivi vuole portare l’elettricità a intere regioni. L’obiettivo, come dice Meagan Fallone, responsabile della strategia globale a Barefoot College, è quello di introdurre un “cambiamento sistemico”.

Qui sotto, l’intervento di Meagan Fallone al TEDxLivermore nel 2012:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid