Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Canada, sparatoria in strada a Toronto: tre morti e tredici feriti

Immagine di copertina
Credit: MANDEL NGAN/AFP/Getty Images

Un uomo ha aperto il fuoco nel quartiere greco ed è stato ucciso dalla polizia: nella sparatoria hanno perso la vita una bambina di 10 anni e una ragazza di 19

È di tre morti e tredici feriti il bilancio della sparatoria avvenuta domenica 22 luglio 2018 a Toronto, una delle città più grandi del Canada. Lo riporta la polizia canadese.

Le vittime sono una ragazza di 19 anni e una bimba di 10 anni, oltre all’autore della sparatoria. Il killer,  che ha aperto il fuoco all’impazzata in strada ed è stato ucciso dalla polizia, è stato identificato: è Faisal Hussein, 29 anni.

Il movente non è ancora chiaro ma l’uomo soffriva di psicosi e depressione

I motivi dell’attentato non sono ancora conosciuti.

La sparatoria è avvenuta in strada davanti a un ristorante, all’angolo tra Danforth and Logan avenues, nel quartiere greco della città alle 22 ora locale (le 4 di lunedì mattina in Italia).

Le condizioni di salute delle persone colpite non sono ancora note, ha scritto la polizia su Twitter.

Alcune delle vittime sono state soccorso sul posto, sei sono state portate in centri traumatologici, due in ospedali locali e la bambina rimasta ferita in un centro pediatrico.

Un testimone, che era in piedi vicino alla scena, ha detto all’emittente televisiva canadese CTV di avere sentito almeno 20 colpi di pistola. “Ho visto la strage mentre correvo per strada. Ho visto sparare ad almeno quattro persone”, ha raccontato l’uomo.

Il capo della polizia di Toronto,  Mark Pugash, ha detto che è troppo presto per affermare che la sparatoria sia un atto di terrorismo.

Un video, girato da un testimone da una finestra, mostra un uomo vestito di nero, che indossa un cappello, mentre cammina sul marciapiedi e apre il fuoco. Si sentono i rumori degli spari.

Il vice comandante dei servizi di emergenza, Shawn Staff, aveva precedentemente indicato al quotidiano The Globe and Mail che “molti hanno ferite grave”, senza offrire una cifra esatta.

I testimoni hanno spiegato di aver sentito una ventina di colpi e che un grosso dispositivo medico e di sicurezza è stato spostato rapidamente nell’area.

Lo scorso 23 aprile a Toronto, dieci persone erano morte e altre quindici erano rimaste ferite, molte delle quali in modo grave, dopo che un furgone aveva investito un gruppo di pedoni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una nuova catastrofe”: Come è iniziato il peggior conflitto degli ultimi anni tra Israele e Gaza
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una nuova catastrofe”: Come è iniziato il peggior conflitto degli ultimi anni tra Israele e Gaza
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Esteri / Unicef: "Sono i bambini di Gaza a pagare il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche