Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Isis sta usando armi chimiche in Siria e Iraq

Immagine di copertina

L'esercito dello Stato Islamico avrebbe utilizzato polvere di iprite, un gas a cui si ricorre spesso nelle guerre chimiche, in almeno quattro attacchi

L’esercito dello Stato Islamico starebbe facendo uso di armi chimiche in Siria e Iraq, secondo quanto racconta un ufficiale dell’esercito statunitense all’emittente britannica Bbc.

Sarebbero stati almeno quattro gli attacchi condotti con questo tipo di munizioni in entrambi i territori.

Le forze statunitensi hanno cominciato a indagare sull’uso di queste armi insieme alle Nazioni Unite anche grazie ai report dei militanti curdi che da mesi denunciavano l’uso di gas chimici da parte dello Stato Islamico.

L’Isis starebbe utilizzando in particolare l’iprite, un gas soprannominato “gas mostarda” per via del suo caratteristico odore. Questo agente sarebbe stato aggiunto ai proiettili tradizionali e sprigionato sotto forma di polvere. Le persone esposte all’iprite vengono ricoperte di bolle e vesciche nei luoghi in cui le polveri vengono a contatto con la pelle.

Le forze dell’intelligence sostengono che le armi non siano state vendute all’esercito dello Stato Islamico da qualche potenza estera, ma autoprodotte in centri di ricerca appositamente creati dall’organizzazione. L’Isis starebbe inoltre lavorando autonomamente per migliorarne l’efficacia.

— Leggi anche: L’Isis spiegato

— Leggi anche: Che cos’è l’Isis un anno dopo

— Leggi anche: La vera storia dell’Isis

Ti potrebbe interessare
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Esteri / “Putin si prepara a un test nucleare al confine ucraino”, dice il Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Esteri / “Putin si prepara a un test nucleare al confine ucraino”, dice il Times
Esteri / Trump denuncia la Cnn per diffamazione: chiesti 475 milioni di dollari di risarcimento
Esteri / La falla di Nordstream 2 si è allargata, secondo la guardia costiera svedese
Esteri / Missile balistico nordcoreano sorvola il Giappone: cittadini invitati a ripararsi nei rifugi
Esteri / Quattro writer italiani arrestati in India: imbrattati due bus
Esteri / Italiana arrestata in Iran, si muove la Farnesina
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”