Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Amsterdam, morto celebre giornalista investigativo olandese ferito da colpi di arma da fuoco

Immagine di copertina

Amsterdam, morto celebre giornalista investigativo olandese ferito da colpi di arma da fuoco

Il giornalista olandese Peter R. de Vries, celebre per le sue inchieste televisive sulla criminalità, è morto nove giorni dopo essere stato ferito gravemente da colpi di arma da fuoco nel centro di Amsterdam.

De Vries, volto noto della televisione olandese, aveva ricevuto minacce in passato per il suo lavoro, che spesso lo portava a seguire casi irrisolti. Nel 2019 aveva dichiarato su Twitter di essere stato informato dalla polizia e funzionari del ministero della Giustizia di far parte della “lista nera” di un criminale latitante.

Il giornalista, morto all’età di 64 anni, era diventato famoso nei Paesi Bassi per essersi occupato di diversi casi di primo piano, tra cui il rapimento di Freddy Heineken, l’imprenditore della birra nel 1983. Nel 2013 uno dei rapitori di Heineken è stato condannato per aver minacciato de Vries.

Lo scorso 6 luglio è stato colpito da cinque spari a distanza ravvicinata nel distretto di Lange Leidsedwarsstraat, ferendolo alla testa pochi minuti dopo aver partecipato a un programma televisivo.

Il primo ministro Mark Rutte ha promesso che chiunque sia stato responsabile dell’uccisione di de Vries sarà trovato dalle autorità. Attualmente risultano ancora detenute due persone arrestate in autostrada poco dopo la sparatoria e sospettate di omicidio.

“Peter ha combattuto fino alla fine ma non è stato in grado di vincere questa battaglia. È morto circondato dalle persone che lo amavano”, ha dichiarato la sua famiglia.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è detta “profondamente rattristata dalla notizia della scomparsa di Peter R. de Vries. Voglio esprimere le mie condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari”. “I giornalisti investigativi sono essenziali per le nostre democrazie. Dobbiamo fare tutto il possibile per proteggerli”, ha aggiunto su Twitter.

“Il suo coraggio nell’esporre la criminalità organizzata e nel far luce sulle parti più oscure delle nostre società sarà sempre ricordato”, ha detto il presidente del Parlamento europeo David Sassoli dopo l’annuncio della morte del giornalista investigativo olandese, affermando che “i pensieri dell’intero Parlamento europeo sono con la sua famiglia e i suoi amici”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in impianto chimico: 5 dispersi. "Tenete le finestre chiuse"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in impianto chimico: 5 dispersi. "Tenete le finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche