Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Amsterdam, agguato in strada contro un famoso giornalista investigativo: “Lotta per la vita”

Immagine di copertina
Peter R. de Vries. Credit: EPA/Marcel Van Hoorn

Peter R. de Vries, famoso per le sue inchieste sulla criminalità, è rimasto gravemente ferito

Il giornalista olandese Peter R. de Vries, famoso per le sue inchieste sulla criminalità, è stato gravemente ferito con un colpo di arma da fuoco alla testa nel distretto di Lange Leidsedwarsstraat, nel centro di Amsterdam, ed è ricoverato in condizioni gravi. La polizia ha arrestato tre persone, tra cui potrebbe esserci colui che ha sparato.

L’attacco è avvenuto attorno alle 19.30 di martedì 6 luglio. De Vries, 64 anni, aveva partecipato pochi minuti prima a un programma televisivo di cui è spesso ospite. Secondo alcuni testimoni sarebbero stati sparati cinque colpi da una distanza ravvicinata. Due persone sono state arrestate mentre stavano viaggiando in autostrada, a Leidschendam, circa 50 chilometri a sud di Amsterdam, mentre una terza è stata arrestata nella capitale olandese.

De Vries è molto noto nei Paesi Bassi per essersi occupato di diversi casi di cronaca nera, tra cui il rapimento di Freddy Heineken, l’imprenditore della birra, nel 1983. In passato aveva ricevuto alcune minacce per il suo lavoro e durante alcuni periodi gli era stata garantita la scorta. Nel 2019 De Vries aveva annunciato su Twitter di essere stato informato dalla polizia e funzionari della Giustizia di essere sulla “lista nera” di un criminale latitante.

La sindaca di Amsterdam, Femke Halsema, ha detto in conferenza stampa che de Vries “sta lottando per la vita“, e lo ha definito “un eroe nazionale per tutti noi. Un giornalista raro e coraggioso che cercava la verità instancabilmente”. Diversi messaggi di solidarietà sono arrivati dalle autorità europee dopo la notizia che qualcuno aveva sparato al giornalista olandese: “Questo è un crimine contro il giornalismo e un attacco ai nostri valori di democrazia”, ha detto il presidente del Consiglio Ue Charles Michel, mentre la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha espresso vicinanza a De Vries e alla sua famiglia: “I giornalisti sono un valore per le nostre democrazie e società”, ha dichiarato.

Leggi anche: Orban entra nella lista di Rsf dei “nemici della libertà di stampa”: è il primo leader dell’Ue

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi