Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Afghanistan, nei primi tre mesi 2020 uccisi oltre 500 civili

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Afghanistan: uccisi oltre 500 civili nei primi tre mesi del 2020

L’Afghanistan registra un nuovo triste record: nei prime tre mesi dell’anno sono stati uccisi oltre 500 civili, tra cui un centinaio di bambini. Lo ha reso noto la Missione delle Nazioni unite in Afghanistan (Unama), che mostra la persistenza della violenza nonostante i tentativi di ridurre i combattimenti tra governo e talebani. Il rapporto della missione ha documentato un totale 533 morti e 760 feriti tra i civili, uccisi in scontri e attentati. Il documento mostra inoltre un preoccupante aumento della violenza a marzo, periodo in cui il governo afghano e i talebani avrebbero dovuto avviare negoziati di pace dopo la firma dello storico accordo del 29 febbraio tra ribelli e Stati Uniti, in cui fu concordato il ritiro delle truppe straniere entro 14 mesi.

“I numeri delle vittime civili in Afghanistan continuano a preoccupare”, afferma a TPI Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. “Noi non sappiamo se nel 2020 si batterà nuovamente il record di vittime che viene raggiunto ogni anno e puntualmente supera quella precedente, secondo i conteggi fatto dalle organizzazioni che si occupano di Afghanistan. Una cosa però è certa: al di là dei negoziati di pace e di quanto accade a livello politico, la realtà sul campo è drammatica, per uomini, donne e bambini. La cosa sconcertante è che molti paesi europei, nonostante questi numeri, continuano a rimpatriare gli afghani, sulla base dell’idea – falsissima – che l’Afghanistan sia un paese sicuro. Ognuna di quelle morti dice il contrario”, conclude Noury.

La Casa Bianca sta prendendo in considerazione un piano per ritirare gli ufficiali della Central Intelligence Agency dalle stazioni di tutto l’Afghanistan, in uno sforzo disperato per aumentare le prospettive di un accordo di pace con i talebani. I piani per l’accordo di pace sono stati annunciati a febbraio dai rappresentanti degli Stati Uniti e del gruppo sunnita con sede a Pashtun, che ha intrapreso un’insurrezione islamista contro il governo sostenuto dagli Stati Uniti a Kabul dal 2001.

Ma da allora la violenza armata tra le due parti ha raggiunto il picco, spingendo molti a mettere in dubbio la fattibilità del previsto accordo di pace. 

Leggi anche: 

1. In Afghanistan vengono uccise 74 persone al giorno 2. Afghanistan Papers: nell’inchiesta del Washington Post, interviste e rivelazioni sugli errori commessi dagli Usa in 18 anni di guerra

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”