Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Francia, nuovi casi di Covid nelle scuole: 70 istituti chiudono dopo una settimana dal rientro

Immagine di copertina

Francia, 70 scuole chiuse dopo una settimana per nuovi casi di Covid

Una settimana dopo il via libera alla riapertura delle scuole primarie in Francia, concisa con l’inizio della Fase due, 70 istituti chiudono i battenti per la presenza di nuovi casi di Covid-19. Lo ha confermato il ministro dell’Istruzione Jean-Michel Blanquer ai microfoni dell’emittente radio nazionale Rtl, aggiungendo però di non aver intenzione di bloccare il graduale rientro degli alunni già previsto, perché i nuovi casi rilevati dimostrano la severità dei controlli. “Questo è indice del fatto che siamo rigorosi. È frutto della continua prudenza e dell’applicazione dei controlli sanitari”, ha affermato Blanquer.

“Probabilmente si tratta di casi contratti prima di tornare a scuola, all’uscita dal lockdown” ha aggiunto. Per il ministro, fare in modo che i bambini tornino a istruirsi nelle aule di scuola dovrebbe essere la priorità assoluta del governo, e anche dei genitori, perché le conseguenze della mancata frequenza “sono molto più gravi” di quelle dell’epidemia. Conseguenze psicologiche, sanitarie, fino ad arrivare all’abbandono scolastico, che preoccupano il ministro più del Covid. “I nostri figli non devono essere vittime collaterali di misure sanitarie”, ha insistito.

Ma le scuole colpite dai nuovi casi sono già state chiuse in diverse regioni del Paese. “L’agenzia regionale della Salute procede alle indagini per identificare le persone che possono essere state a contatto ravvicinato con il malato”, si legge in una dichiarazione diramata dall’agenzia regionale della Salute dell’Alta Francia, dove sette istituti hanno sospeso le lezioni nella città di Roubaix come “misura precauzionale”, adottata dopo aver rilevato un primo caso tra gli studenti. “L’alunno è stato potenzialmente in contatto con alunni accolti nelle scuole della città, pertanto il sindaco ha deciso a titolo di precauzione la chiusura temporanea di sei scuole. Una settima scuola, privata, ha deciso di seguire anch’essa la misura di precauzione”, si legge nel comunicato riportato dal Fattoquotidiano.

Gli studenti degli istituti primari sono rientrati a scuola già una settimana fa, ovvero l’11 maggio scorso, mentre oggi è toccato ai giovani che frequentano le medie. Come affermato dal ministro, anche se il 90 per cento dei comuni è riuscito a riaprire le scuole, la maggior parte degli istituti, circa il 70 per cento, ha deciso di rimanere chiuso e proseguire con la didattica a distanza. Il rientro, infatti, non è obbligatorio, ma su base volontaria, e per i sindacati mancano ancora le misure idonee per permettere lo svolgimento delle lezioni in sicurezza.

Leggi anche:

1. Coronavirus, in Francia celebrata una messa drive-in: 200 auto presenti 2. Ora è sicuro: il Coronavirus circolava in Francia già a dicembre. Il caso del 43enne Amirouche 3. Coronavirus, ultime notizie dal mondo. Oms: “116 Paesi chiedono inchiesta indipendente su diffusione del virus”. In Brasile ospedali al collasso

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”