Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Standard and Poor’s conferma il rating dell’Italia: BBB e outlook diventa “stabile”

Immagine di copertina
Wikimedia Commons

Standard and Poor’s conferma il rating dell’Italia: BBB e outlook diventa “stabile”

L’agenzia internazionale Standard and Poor’s (S&P) Global Rating annuncia di avere rialzato l’outlook dell’Italia da negativo a “stabile” e di avere confermato il rating sovrano, mantenendo a BBB, due gradini sopra il livello speculativo (da BB in giù), definito appunto Junk (spazzatura). Il giudizio dell’agenzia di rating è stato reso noto nella serata di oggi, venerdì 23 ottobre, come da regolamento dopo la chiusura dei mercati azionari.

“La pandemia COVID-19 – si legge nel comunicato di S&P Global Rating – ha colpito duramente l’economia italiana; secondo le nostre proiezioni, il Pil non tornerà ai livelli del 2019 fino al 2023“. “In risposta – prosegue la nota – il governo ha introdotto misure fiscali straordinarie per il 2020 per un valore del 6,1% del Pil e ha redatto un bilancio pro-crescita per il 2021, con un obiettivo di disavanzo nominale del 7% del Pil, incluso uno stimolo aggiuntivo. A livello sovranazionale, la Bce ha ampliato le dimensioni e la durata dei suoi programmi di acquisto di attività, garantendo costi di rifinanziamento del debito storicamente bassi, mentre l’Ue ha lanciato un Fondo per la ripresa e la resilienza, che dovrebbe fornire all’Italia fino a 12,5% del PIL in sovvenzioni e prestiti, condizionato a riforme a favore della crescita”.

“A nostro avviso – ne deduce l’agenzia – nonostante le incertezze macroeconomiche, queste misure offrono alle autorità italiane un’opportunità per riavviare la crescita economica e invertire il deterioramento dei risultati di bilancio. Stiamo quindi rivedendo il nostro outlook da stabile a negativo e confermando i nostri rating ‘BBB/A-2’ sull’Italia”.

Le agenzie di rating utilizzano una scala di valori che va dalla tripla A, attribuita alle obbligazioni più sicure e quindi con un rendimento basso, fino alla D, che si ha quando il soggetto emittente è a rischio default. Dal livello BB (compreso) in giù, i titoli vengono considerati spazzatura. Il rating confermato a BBB mantiene l’Italia due gradini sopra il livello Junk.

Ti potrebbe interessare
Economia / "Caro Draghi, su Ilva e Stellantis non esiste una politica industriale. Sui licenziamenti scendiamo in piazza": intervista a Re David (Fiom)
Economia / La ripresa degli investimenti pubblici in Italia
Economia / Verso un modello di sviluppo “verde” e inclusivo: SACE pubblica il Bilancio di Sostenibilità
Ti potrebbe interessare
Economia / "Caro Draghi, su Ilva e Stellantis non esiste una politica industriale. Sui licenziamenti scendiamo in piazza": intervista a Re David (Fiom)
Economia / La ripresa degli investimenti pubblici in Italia
Economia / Verso un modello di sviluppo “verde” e inclusivo: SACE pubblica il Bilancio di Sostenibilità
Economia / Il cambiamento climatico rischia di essere un boomerang per i Petro-Stati, svalutando i giacimenti
Economia / Altro che riduzione delle emissioni per salvare l’ambiente: Eni aumenterà la produzione di gas
Economia / “Tutte le colpe dei petrolieri”: il libro che indaga sulle responsabilità del disastro climatico
Economia / Stellantis annuncia 4 nuove auto elettriche a Melfi. Ma sugli altri siti italiani tutto tace
Economia / Leggi Repubblica e compri un’auto: così gli affari del gruppo Gedi si fanno sempre più in famiglia
Economia / “Noi, giovani precari sfruttati, vi spieghiamo perché certi imprenditori non trovano lavoratori”
Economia / Focolaio Covid in Cina, tre porti paralizzati: “Peggio della crisi di Suez”