Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Agenzie di rating: che cosa sono e cosa fanno

Immagine di copertina

Aggiornamento 26 aprile 2019: Attesa per il rating di Standard & Poor’s sull’Italia.

Agenzie di rating | Le agenzie di rating sono società private che formulano e assegnano giudizi sulla solidità finanziaria di soggetti che, per finanziarsi, emettono titoli di debito sui mercati.

Questi giudizi sono detti, appunto, rating. Oggetto di valutazione possono essere sia aziende private che emettono obbligazioni sia Stati che emettono titoli di Stato.

I rating sono importanti perché forniscono agli investitori una indicazione su quanto quell’azienda o quello Stato è affidabile, ossia in grado di restituire il denaro ricevuto in prestito, maggiorato dei relativi interessi.

Più il rating è basso, maggiore è il rischio che l’obbligazione o il titolo di Stato non venga rimborsato. Viceversa, più il rating è alto, minore è il rischio.

I rating influiscono quindi anche il valore dei tassi di interessi sul debito: se il rating è alto, il tasso sarà basso e viceversa.

Agenzie di rating: quali sono le più importanti

Le tre più importanti agenzie di rating al mondo sono Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch, ribattezzate le “big three”. Tutte e tre hanno sede a New York, negli Stati Uniti.

Le “big three” si occupano soprattutto di analizzare i titoli di Stato: per questo le loro valutazioni possono avere forti ripercussioni sui mercati finanziari.

Standard & Poor’s e Fitch esprimono rating che vanno da AAA a D, mentre i giudizi di Moody’s vanno da AAA a C.

Agenzie di rating: cosa fanno

Le agenzie di rating, come detto, valutano la solidità capacità di un soggetto che emette titoli sui mercati di rimborsare il prestito ricevuto.

I rating vengono assegnati periodicamente sulla base di una valutazione del rischio che tiene conto di diversi elementi.

I giudizi vengono espressi su una scala che va da AAA per il rating migliore a C o D per il rating peggiore.

Se a un’azienda o a uno Stato viene assegnato un rating AAA significa che quell’ente gode di buona salute dal punto di vista finanziario. Viceversa, i rating D indicano i cosiddetti “titoli spazzatura”, che hanno cioè nulle probabilità di rimborso.

Le agenzie di rating non valutano solo la solidità finanziaria di un soggetto in quel dato momento, ma anche le prospettive future: questo giudizio si chiama outlook e può essere positivo, negativo o stabile.

Agenzie di rating: il giudizio sull’Italia secondo le diverse agenzie

Anche l’Italia è oggetto di valutazione da parte delle agenzie di rating per quanto riguarda la capacità di rimborso dei suoi titoli di Stato.

Il 20 ottobre 2018 l’agenzia Moody’s ha comunicato il taglio del rating dell’Italia, rivedendolo da BAA2 a BAA3, ma l’outlook è rimasto stabile.

Il 27 ottobre 2019 Standard & Poor’s ha confermato all’Italia un rating BBB abbassando l’outlook da stabile a negativo.

Il 22 febbraio 2019 l’agenzia Fitch ha confermato all’Italia un rating BBB e un outlokk negativo.

Ti potrebbe interessare
Economia / L’ultima barzelletta di Amazon: “Siamo alleati delle pmi”. Ecco perché è vero il contrario
Economia / La Pubblica Amministrazione digitale accelera gli investimenti sulle imprese
Economia / Stellantis: gli azionisti brindano, gli operai piangono. Aumentano i ricavi ma anche la cassa integrazione
Ti potrebbe interessare
Economia / L’ultima barzelletta di Amazon: “Siamo alleati delle pmi”. Ecco perché è vero il contrario
Economia / La Pubblica Amministrazione digitale accelera gli investimenti sulle imprese
Economia / Stellantis: gli azionisti brindano, gli operai piangono. Aumentano i ricavi ma anche la cassa integrazione
Economia / Aumento del bonus per l’a.d. di AstraZeneca, gli investitori protestano: “È osceno”
Economia / Amazon vince facile: nel 2020 in Europa 44 miliardi di ricavi e zero tasse pagate
Economia / Stellantis, otto giorni di stop a Melfi: 7mila lavoratori in cassa integrazione
Economia / Landini: “Oggi è il momento di vaccinare e non il momento di licenziare”
Economia / Gli operai Stellantis e la grande crisi dell’auto a Torino: “Draghi, se ci sei batti un colpo”
Economia / Fisco, sospese fino al 30 maggio le cartelle esattoriali
Economia / Stellantis in Italia riceve soldi dallo Stato, in Francia dà 10 milioni a Macron