Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Recovery, l’Ecofin approva il Piano nazionale di ripresa e resilienza dell’Italia

Immagine di copertina

"Nelle prossime settimane partiranno gli esborsi", ha annunciato prima della riunione il commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni

Il Consiglio Economia e Finanza (Ecofin) dell’Unione europea ha approvato oggi il Piano nazionale di ripresa e resilienza dell’Italia, insieme a quelli di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna.

I ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Ue hanno così dato il via libera all’utilizzo dei fondi del Recovery a questi Paesi. “L’adozione delle decisioni attuative del Consiglio sull’approvazione dei piani consente agli Stati membri di firmare accordi di sovvenzione e prestito che consentiranno un prefinanziamento fino al 13 per cento” delle somme previste, si legge nella nota pubblicata dall’Ecofin. “A giugno il Consiglio ha ricevuto dalla Commissione una valutazione positiva per i piani dei 12 Stati membri, accompagnata dalle proposte per le decisioni del Consiglio europeo sulla loro approvazione”.

Secondo il comunicato, “tutti i 12 Stati membri hanno chiesto un prefinanziamento dai fondi loro stanziati”. “Le decisioni adottate oggi dal Consiglio sono il passo finale prima che gli Stati membri possano concludere accordi di sovvenzione e prestito con la Commissione e iniziare a ricevere fondi per attuare i loro piani nazionali”, conclude la nota.

Per l’erogazione dei primi fondi ora il Governo dovrà prendere accordi precisi con la Commissione europea. Il totale delle risorse previste per l’Italia ammonta a circa 222,1 miliardi di euro. “Nelle prossime settimane partiranno gli esborsi dei prefinanziamenti per questi 12 Paesi”, aveva sottolineato questa mattina al suo arrivo all’Ecofin a Bruxelles il commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni.

“Penso che sia molto importante il fatto che l’approvazione formale finale di questi piani arrivi proprio nel momento in cui la ripresa è in corso, perché questo darà una spinta alla fiducia nei mercati e nei singoli Paesi, permettendo a investimenti e riforme di partire. Naturalmente siamo tutti impegnati affinché tutto questo funzioni. La decisione formale è una parte essenziale di quello che avverrà nelle prossime settimane, mesi e anni, è la parte decisiva di questo programma straordinario e senza precedenti”.

“Con l’approvazione del piano di ripresa da parte del Consiglio Ecofin, i finanziamenti per il NextGenEU possono iniziare”, ha commentato su Twitter la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Un piano senza precedenti: nei prossimi anni verranno investiti in Italia 191,5 miliardi di euro per aiutare a ricostruire l’economia, renderla più verde, digitale e pronta al futuro”.

“Oggi l’Ecofin ha dato il fischio d’inizio a 12 Recovery Plan, tra cui c’è quello italiano”, ha invece commentato il sottosegretario agli Esteri, Enzo Amendola. “La vera partita inizia ora. La affrontiamo con la consapevolezza di chi ha già dimostrato di saper vincere, con il gioco di squadra, sfide difficili come questa”.

Cosa succede ora

La procedura di approvazione dei piani dei singoli Stati membri prevede in prima battuta una valutazione positiva da parte della Commissione europea, che esamina i progetti in base alle raccomandazioni specifiche per ciascun Paese e ai sei pilastri previsti dal Recovery & Resilience Facility, che è il cuore del Next Generation EU, il pacchetto di ripresa volto a rilanciare l’economia dell’Ue dopo la pandemia di Covid-19.

L’Italia aveva già ricevuto il via libera da parte della Commissione guidata da Ursula von der Leyen e attendeva proprio il secondo step che coinvolge l’Ecofin. Il Consiglio, di norma, esamina la proposta in quattro settimane. Una volta approvato il piano anche in questa sede, lo Stato membro può firmare una serie di accordi di finanziamento bilaterali con la Commissione Ue e ricevere il prefinanziamento concordato entro due mesi.

Ulteriori esborsi richiedono invece una valutazione positiva dell’attuazione del piano di ripresa e resilienza, tenendo conto del raggiungimento delle tappe fondamentali e degli obiettivi fissati in ciascun progetto presentato dai singoli Stati.

Ti potrebbe interessare
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Ti potrebbe interessare
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Economia / Altro che equità fiscale e sviluppo sostenibile, la riforma del fisco di Draghi non ha coperture
Economia / "I profitti del vaccino anti-Covid di Moderna finiranno nei paradisi fiscali"
Economia / El Salvador diventa il primo Paese al mondo a legalizzare il Bitcoin
Cronaca / A Venezia, l'accordo sulla tassazione globale e gli scontri tra manifestanti e polizia
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Ambiente / La ripartenza in rosa ed eco-sostenibile delle sorelle Roncato: “Torniamo a viaggiare rispettando l’ambiente”
Economia / "Governo debole, Stellantis sceglie Termoli per i soldi pubblici. Così Elkann umilia Torino": intervista ad Airaudo (Fiom)