Me

Pensioni, Quota 100: come presentare la domanda sul sito dell’Inps | Istruzioni

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 20 Feb. 2019 alle 07:03 Aggiornato il 28 Mar. 2019 alle 12:24
Immagine di copertina

QUOTA 100 ISTRUZIONI DOMANDA – Quota 100 è legge. Chi ha 62 anni di età e vanta un’anzianità contributiva di 38 anni può ora fare richiesta di uscire dal lavoro qualche anno prima del raggiungimento dell’età – e dei requisiti anche contributivi – per la pensione di vecchiaia. Ma quali sono le modalità per presentare la domanda per Quota 100? Qui di seguito tutte le istruzioni.

Quota 100: quanto conviene anticipare la pensione?

Quota 100 istruzioni domanda | Come presentarla

Tutti quei cittadini che sono registrati sul sito dell’Inps – quindi in possesso del Pin dispositivo, delle credenziali Spid o della Carta nazionale dei servizi – possono procedere a inoltrare la domanda autonomamente accedendo ai servizi online dell’istituto.

Non bisogna far altro che andare sul sito www.inps.it ed entrare nella sezione “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, Ecocert, Ape Sociale e Beneficio precoci”. A quel punto – spiega sempre l’Inps – non si deve far altro che cliccare sul menù di sinistra su “Nuova domanda” e selezionare in sequenza:

  • per la pensione con Quota 100: Pensione di anzianità/vecchiaia – Pensione di anzianità/anticipata – Requisito quota 100
  • per la pensione anticipata: Pensione di anzianità/vecchiaia – Pensione di anzianità/anticipata – Ordinaria
  • per la pensione Opzione donna: Pensione di anzianità/vecchiaia – Pensione di anzianità/anticipata – Contributivo sperimentale lavoratrici.

In tutti e tre questi i casi, comunque, l’utente deve selezionare anche il Fondo e la Gestione di liquidazione. Possono utilizzare queste modalità di presentazione delle domande per Quota 100 i lavoratori iscritti a alle Gestioni private, alla Gestione pubblica e alla Gestione spettacolo e sport. Questi possono fare richiesta, inoltre, di cumulare i periodi assicurativi.

In alternativa, per chi non è registrato sul sito dell’Inps, è possibile rivolgersi a Caf ed enti di patronato al fine di richiedere il pensionamento anticipato; infine, l’Inps mette a disposizione il suo Contact center, che si può contattare al numero 803 164 (gratuito da telefono fisso) e allo 06164164 (con tariffe da mobile).

Con una comunicazione successiva, inoltre, l’Inps ha riaperto la possibilità di fare richiesta per l’Ape Social: tale opzione è stata infatti, sempre a seguito dell’approvazione del decretone, prorogata a tutto il 2019 (con nuova scadenza al 31-12-2019). Per tale ragione, comunica l’istituto, “Dal 29 gennaio 2019, possono presentare domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio dell’APE sociale i soggetti che, nel corso dell’anno 2019, maturano tutti i requisiti e le condizioni previste”.