Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

Assegni familiari 2019, domanda solo online: come si presenta all’Inps e chi può trasmetterla

Immagine di copertina

Assegni familiari 2019 | Richiesta | Online | Inps | Domanda | Modello

Assegni familiari 2019 richiesta online – La modalità per fare richiesta degli assegni familiari è cambiata: dal 1° aprile 2019 la domanda per gli Anf (che sta per assegni nucleo familiare), infatti, può essere presentata esclusivamente online sul sito dell’Inps.

L’ente di previdenza ha comunicato il cambio di procedura tramite la circolare n.45 del 22 marzo 2019, nella quale è oltretutto spiegato che per procedere alla richiesta online è necessario munirsi di Pin dispositivo o di credenziali Spid (qui come si ottengono).

La stessa circolare, peraltro, chiariva la possibilità per i lavoratori richiedenti gli Anf di affidarsi ad un ente di Patronato per la trasmissione della domanda, in quanto unici abilitati a tale pratica. Un messaggio dello scorso venerdì 24 maggio sempre dell’Inps, però, ha poi esteso tale abilitazione anche a commercialisti e consulenti del lavoro: anche queste due categorie di professionisti, quindi, potranno trasmettere la documentazione necessaria per la richiesta di assegni familiari.

Assegni familiari 2019 richiesta online | Come fare domanda?

Fino ad aprile 2019, quindi, per procedere con la richiesta di questa particolare prestazione economica –  erogata dall’istituto di previdenza in favore dei lavoratori dipendenti, dei pensionati, dei lavoratori assistiti dall’assicurazione contro la tubercolosi e dei dipendenti di ditte cessate o fallite – era necessario compilare degli specifici moduli (come ANF/DIP) per poi consegnarli direttamente al datore di lavoro, il quale si occupava di trasmettere la domanda all’Inps; al fine però di limitare il margine di errore sugli importi e di garantire una maggiore protezione dei dati personali l’Inps ha ora previsto questa nuova modalità, che consiste appunto nella richiesta telematica.

A doversi adeguare a questa nuova modalità sia i 2.8 milioni di beneficiari che già ricevono questa prestazione – e che dovranno farne nuovamente richiesta entro il 1 luglio 2019 – che coloro che si avviano a fare domanda di Anf per la prima volta. Esclusi dalla richiesta telematica, invece, i lavoratori dipendenti del settore privato, i quali potranno quindi continuare a compilare il modulo Anf, autonomamente o con l’assistenza di un patronato o Caf, e consegnarlo al proprio datore.

Anche chi ha presentato la domanda lo scorso anno per beneficiare degli assegni familiari fino al 30 giugno 2019 non dovrà fare una nuova richiesta online.

Sempre per via telematica i possessori di Pin dell’Inps o di Spid potranno, con la nuova modalità, controllare autonomamente l’esito della propria domanda nella sezione “Consultazione domanda” o dare comunicazione all’istituto di variazioni del nucleo familiare o del reddito.

Ricordiamo che l’importo degli Anf varia sulla base di diversi fattori, quali la composizione e la tipologia del nucleo familiare e la situazione reddituale complessiva di quel nucleo. In questo senso più alto è il reddito più basso sarà l’importo dell’assegno, mentre vengono riconosciuti importi maggiori ad esempio a nuclei monoparentali o se nel nucleo ci sono degli inabili.

Le tabelle con gli importi degli assegni familiari, pubblicate ogni anno dall’Inps, hanno un periodo di validità che va dal 1° luglio di ogni anno fino al 30 giugno dell’anno successivo.

Assegni familiari 2019: le nuove tabelle 2019-2020

Ti potrebbe interessare
Economia / La Commissione europea contro l’Italia: “Il blocco dei licenziamenti è dannoso”
Lavoro / Trecento nuove assunzioni in Gi Group nel 2021
Lavoro / Concorsi pubblici 2021: tutti i bandi attivi
Ti potrebbe interessare
Economia / La Commissione europea contro l’Italia: “Il blocco dei licenziamenti è dannoso”
Lavoro / Trecento nuove assunzioni in Gi Group nel 2021
Lavoro / Concorsi pubblici 2021: tutti i bandi attivi
Lavoro / Nel Recovery addio all'Esame di Stato, basterà la laurea
Lavoro / Nomadi del digitale: un professionista su tre del settore sogna di trasferirsi grazie allo smart working
Lavoro / Riforma Brunetta e concorso scuola: ecco perché è giusto valutare i titoli al posto della preselettiva
Cronaca / Concorso per 2.800 assunzioni nella PA: bando e come candidarsi
Lavoro / Recovery Plan, concorso per 2.800 tecnici al Sud: assunzioni entro 3 mesi
Cultura / Futuro impiego nella società dell’informazione
Lavoro / Come difendersi sul lavoro se si è accusati ingiustamente