Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

“Per me non è un eroe”: bufera per il post di Vittorio Feltri sul carabiniere ucciso a Roma

Il direttore editoriale di Libero ha commentato così la morte di Mario Cerciello Rega

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 31 Lug. 2019 alle 13:03 Aggiornato il 31 Lug. 2019 alle 18:00
0
Immagine di copertina
Vittorio Feltri

Vittorio Feltri sul carabiniere ucciso a Roma: “Non è un eroe”. È bufera

Vittorio Feltri ha fatto sapere con un tweet che, a suo parere, il carabiniere ucciso a Roma non può essere definito un eroe. Come al solito le esternazioni del direttore editoriale di “Libero” non hanno lasciato indifferenti e anzi hanno sollevato un polverone.

Feltri su Camilleri: “Se muore non vedremo più il terrone rompicoglioni Montalbano”

Mario Cerciello Rega è morto, nella notte tra giovedì 25 e venerdì 26 luglio, dopo essere stato colpito con 11 coltellate da Elder Finnegan Lee, uno dei due studenti 20enni americani ora in carcere per omicidio.

“Un vicebrigadiere che dimentica la pistola in caserma e si fa accoltellare da un ragazzotto mezzo scemo, fatico a definirlo eroe”, aveva scritto il giornalista sul suo profilo Twitter.

Vittorio feltri non è un eroe
Credits: Twitter Vittorio Feltri

E poi ha aggiunto: “E se il compagno del vicebrigadiere non si accorge che il collega viene aggredito forse è un po’ stranito, almeno lui poteva sparare”.

Frasi pronunciate da Feltri che hanno spaccato i followers sul social di microblogging: “Beh…quello che penso anch’io…spiace si…ma è inaccettabile un comportamento così superficiale da parte di chi dovrebbe proteggere e proteggersi dal crimine…” , scrive un utente.

Chi è Mario Rega Cerciello, il carabiniere accoltellato e ucciso a Roma nella notte

Di parere contrapposto un altro: “E’ un eroe perché contava di risolvere pacificamente la cosa. Oggi per carabinieri ed agenti maneggiare armi è pericoloso, sono le leggi che finiscono per tutelare malviventi lasciando scoperti loro, servitori dello Stato. Per la legge la pistola d’ordinanza va usata in pochi casi”.

A chiarire le dinamiche dell’omicidio era stato il colonnello Francesco Gargaro nel corso di una conferenza stampa alla sede del Comando provinciale carabinieri di Roma: “Aveva solo le manette. Se anche avesse avuto la pistola non avrebbe avuto la possibilità di reagire”.

Libero e il titolo shock contro Carola Rackete: “Non indossava il reggiseno”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.