Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:43
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Feltri su Camilleri: “Se muore non vedremo più il terrone rompicoglioni Montalbano”

Immagine di copertina
Nella foto da sinistra: Vittorio Feltri, Luca Zingaretti e Andrea Camilleri

Vittorio Feltri | Andrea Camilleri | Salvo Montalbano

FELTRI CAMILLERI MONTALBANOAndrea Camilleri? “Mi dispiace per lui, ma se muore non vedremo più qual terrone di Montalbano”. Sono parole e musica di Vittorio Feltri, nel suo editoriale di oggi in prima pagina su Libero, commentando le condizioni dello scrittore siciliano, da due giorni ricoverato in ospedale in condizioni gravi. Il giornalista, nel suo articolo ‘Andrea Camilleri marxista impenitente’ scrive: “Le capacità affabulatorie di Camilleri non sono in discussione, la struttura matematica dei suoi racconti è esemplare e ammirabile. Ma la sua testa matta, oltre che affascinante, desta qualche perplessità”.

> Le frasi più belle di Camilleri

Feltri su Camilleri: “Non vedremo più quel terrone di Montalbano”

Andrea Camilleri – continua Feltri su Libero – “non riusciva a capire che il marxismo era già marcio ancor prima di imporsi. E quando esso si rivelò una bufala e svanì quale neve al sole, Andrea non ebbe la forza di riconoscerne il fallimento brutale. Rimase rosso ma non di vergogna. Egli ha rivendicato fino all’ultimo la sua adesione al bolscevismo. Tuttavia l’arte non ha bandiere, e quella di Camilleri va riconosciuta per quello che è: mirabile. Non tutta, ma quasi. Oggi, di fronte alla probabilmente prossima fine, riconosciamo allo scrittore ogni merito tecnico e a lui ci inchiniamo”.

> La lettera di Camilleri per Montalbano (letta da Luca Zingaretti)

Poi l’affondo contro Salvo Montalbano, il protagonista della amata e fortunata serie televisiva nata dai romanzi di Camilleri, interpretato dall’attore Luca Zingaretti, fratello dell’attuale segretario del Pd Nicola Zingaretti. “L’unica consolazione per la sua eventuale dipartita – scrive Feltri – è che finalmente non vedremo più in televisione Montalbano, un terrone che ci ha rotto i coglioni almeno quanto suo fratello Zingaretti, segretario del Partito democratico, il peggiore del mondo”. Senza mezze misure.

> Chi è Mariolina Camilleri, la figlia del grande scrittore siciliano

Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco