Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Vaccini e seconda dose, gli esperti: “Sarà possibile cambiare farmaco”

Immagine di copertina

In questi giorni in cui si discute di come ottimizzare al massimo la gestione delle dosi disponibili per dare lo sprint che possa portare a raggiungere finalmente le 500mila dose al giorno, si è parlato a più riprese dell’opportunità di ritardare la seconda dose dei vaccini a Rna messaggero che potrebbe essere quasi raddoppiato. La scheda tecnica di Pfizer raccomanda il richiamo dopo 21 giorni, quella di Moderna dopo 28. Tuttavia la commissione tecnica scientifica dell’Aia si è espressa in maniera favorevole ad allungare i tempi del richiamo “solo qualora si rendereste necessario dilazionare di alcuni giorni la seconda dose”. Stessa raccomandazione da parte dell’Oms.

I trial di Pfizer e Moderna hanno mostrato un innalzamento delle difese immunitarie a partire dalla prima dose di vaccino—. La dose singola fornisce già un’elevata protezione dalle forme gravi di Covid e dai decessi, con effetti sull’alleggerimento della pressione sugli ospedali. Diversi studi hanno dimostrato che l’efficacia nel prevenire la malattia dei vaccini a mRna a 2-3 settimane dalla prima iniezione varia tra il 52 e l’80 per cento.

L’altro tema è l’opportunità di cambiare vaccino per la seconda dose.  Secondo molti scienziati la combinazione di due vaccini non solo potrà rendere i piani vaccinali più flessibili, riducendo gli impatti di eventuali interruzioni della catena di approvvigionamento, ma anche rafforzare le risposte immunitarie. “Dal punto di vista immunologico il “prime and boost” con vaccini di tipo diverso è fattibile ed è probabilmente anche la scelta migliore” dice al Corriere Sergio Abrignani, immunologo all’Università di Milano.

“I vaccini basati su adenovirus risultano infatti meno efficaci alla seconda dose a causa della risposta immunitaria contro gli adenovirus indotta con la prima iniezione. Nel mondo occidentale in genere si attendono i risultati di studi clinici controllati prima di agire, ma in una situazione di emergenza, per mancanza di farmaci o anche per il cambio del piano vaccinale, sulla base delle conoscenze dell’immunologia, le regole possono non essere per forza rispettate, come ad esempio ha già deciso di fare la Germania”.

Leggi anche: 1. Come cambia il colore delle regioni: in 6 passano all’arancione, la Sardegna diventa rossa; // 2. No dell’Ue alla diffusione degli atti sulla preparazione dell’Italia alla pandemia: “Mina la sicurezza pubblica”; // 3.  Se i governi europei guardano alla paura e non alle statistiche (di L. Telese); // 4. La rabbia delle piazze nasce dalle incongruenze di questo esecutivo: chi governa dovrebbe saperlo (di Marco Revelli); // 5. Chi fa da sé fa male all’Europa: il caso AstraZeneca mostra l’incapacità degli Stati di agire con una voce sola (di Marta Vigneri)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 12.932 casi e 47 morti: il bollettino del 28 novembre 2021
Cronaca / ESCLUSIVO – Intervista a Valentina Misseri: “A uccidere Sarah è stato mio padre”
Cronaca / Giornalista molestata dai tifosi, ma il conduttore minimizza: "Non te la prendere"
Cronaca / Vaccinato con doppia dose e di rientro dall'Africa: chi è il paziente "zero" della variante Omicron
Cronaca / Nessuno ne parla, ma nelle forze dell’ordine c’è un boom di suicidi
Cronaca / La variante Omicron è in Italia: identificato in Campania il primo caso
Cronaca / Covid, oggi 12.877 casi e 90 morti: tasso di positività al 2,2%
Cronaca / Caso sospetto di variante Omicron in Campania: è un uomo rientrato dall'Africa
Cronaca / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: casi nel Regno Unito e in Germania
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%