Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Trieste: si dimette Puzzer, leader dei portuali che contestano il Green pass. “Lascio ma la protesta continua”

Immagine di copertina
Stefano Puzzer (leader Clpt) durante una conferenza stampa davanti al varco 4 del porto di Trieste,16 ottobre 2021. Credit: ANSA/Fumis Alice Rita

Trieste: si dimette Puzzer, leader dei portuali che contestano il Green pass. “Lascio ma la protesta continua”

Si è dimesso Stefano Puzzer, leader del sindacato che ha promosso lo sciopero contro il green pass al porto di Trieste. ”È giusto che mi assuma le mie responsabilità“, ha spiegato in un post su Facebook l’ex portavoce del Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste (Clpt), che ieri era stato duramente contestato per aver annunciato la fine del blocco del varco 4 del porto di Trieste, prima di essere costretto a tornare sui suoi passi. “La decisione [di dare le dimissioni] è soltanto mia, non è stata forzata da nessuno, anzi non volevano accettarle ma io le ho pretese”, ha detto Puzzer, che ha detto di essersi dimesso “sia dal ruolo di vicepresidente sia dal Coordinamento lavoratori portuali Trieste in seguito al caos generato dal comunicato e di ieri sera, perché sono errori che ho commesso io. Non voglio che la responsabilità cada su di loro”. “Io sciopererò fino al 20 ma tornerò a lavorare solo quando il Green Pass verrà ritirato”.

Ieri pomeriggio il Clpt aveva annunciato il ritorno al lavoro dei propri iscritti a partire da oggi, dopo l’ultimatum lanciato dal presidente dell’Autorità portuale Zeno D’Agostino, che aveva chiesto la fine del blocco, invocando anche un intervento della prefettura. “Questa prima battaglia l’abbiamo vinta”, aveva dichiarato il sindacato autonomo in un primo comunicato, poi ritirato. “Vi chiedo scusa, riscriveremo il comunicato”, ha detto Puzzer nel tentativo di spiegare il dietrofront. Puzzer aveva anche affermato che il Clpt si recherà al Senato e alla Camera il prossimo 30 ottobre, una decisione presa dopo aver parlato con un rappresentante del governo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti
Cronaca / La variante Omicron minaccia il Natale: la situazione in Italia e nel mondo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti
Cronaca / La variante Omicron minaccia il Natale: la situazione in Italia e nel mondo
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, i residenti a TPI: “Un forte boato, poi una puzza insopportabile”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne