Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sparatoria a Trieste, il gip: “Il killer sapeva usare le pistole, e non è malato di mente”

Immagine di copertina
Poliziotti all'esterno della Questura di Trieste. Credit: ANSA / ANDREA LASORTE

Il caso del 29enne dominicano Alejandro Augusto Stephan Meran, ora in carcere

Sparatoria Trieste, killer sapeva usare pistole

Il killer entrato in azione venerdì scorso a Trieste uccidendo due poliziotti a colpi di pistola non è malato di mente e sapeva usare le armi. È quanto ha messo nero su bianco il gip Massimo Tomassini nell’ordinanza di custodia cautelare che ha convalidato l’arresto del 29enne di origini dominicane Alejandro Augusto Stephan Meran, accusato di pluriomicidio e di altri otto tentati omicidi di agenti presenti in Questura.

Il giudice parla di “mattanza” di un individuo “pericoloso” che “aveva familiarità con le armi”. Inoltre, durante le perquisizioni nella casa dove Augusto abita con la madre sono stati rinvenuti psicofarmaci ma durante le indagini non è emerso alcun “documento medico” che attesti una possibile malattia psichica.

Per questo è stato deciso di mandare il ragazzo in carcere. Ora il 29enne, rimasto ferito nello scontro con la polizia, si trova in un letto d’ospedale a Cattinara. È stato colpito all’inguine dalla pallottola di un poliziotto che aveva sparato per neutralizzarlo. Le sue condizioni non sono gravi. Appena sarà dimesso finirà in carcere, dove resterà per almeno un anno, il termine minimo previsto per i reati contestati.

Per quanto riguarda la ricostruzione dei fatti, Alejandro Augusto dopo aver sfilato la pistola a un poliziotto che lo stava accompagnando in bagno, Pierluigi Rotta, gli ha scaricato addosso quattro colpi. Dopo, altri cinque a Matteo Demenego. Il fratello del 29enne, Carlysle, intanto, terrorizzato, si era barricato dentro gli uffici.

“Sentivo gli spari – ha raccontato – poi sentivo mio fratello che  chiamava il mio nome e gridava ‘mi volevano uccidere’ e sentivo che correva avanti e indietro”.

Carlysle si nascondeva nei sotterranei mentre Alejandro Augusto sparava e raggiungeva l’atrio della Questura. Dopo aver colpito Rotta e Demenego il killer ha colpito ad altezza d’uomo verso altri agenti, ferendone uno alla mano. È stato poi bloccato all’esterno.

Sparatoria Trieste, Chef Rubio minacciato dal fratello del poliziotto ucciso: “Ti auguro di perdere un caro”. Poi le scuse
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)
Cronaca / Studentessa Usa denuncia stupro a Roma: “Bloccata per ore in un letto”
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana