Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sparatoria a Trieste, il gip: “Il killer sapeva usare le pistole, e non è malato di mente”

Immagine di copertina
Poliziotti all'esterno della Questura di Trieste. Credit: ANSA / ANDREA LASORTE

Il caso del 29enne dominicano Alejandro Augusto Stephan Meran, ora in carcere

Sparatoria Trieste, killer sapeva usare pistole

Il killer entrato in azione venerdì scorso a Trieste uccidendo due poliziotti a colpi di pistola non è malato di mente e sapeva usare le armi. È quanto ha messo nero su bianco il gip Massimo Tomassini nell’ordinanza di custodia cautelare che ha convalidato l’arresto del 29enne di origini dominicane Alejandro Augusto Stephan Meran, accusato di pluriomicidio e di altri otto tentati omicidi di agenti presenti in Questura.

Il giudice parla di “mattanza” di un individuo “pericoloso” che “aveva familiarità con le armi”. Inoltre, durante le perquisizioni nella casa dove Augusto abita con la madre sono stati rinvenuti psicofarmaci ma durante le indagini non è emerso alcun “documento medico” che attesti una possibile malattia psichica.

Per questo è stato deciso di mandare il ragazzo in carcere. Ora il 29enne, rimasto ferito nello scontro con la polizia, si trova in un letto d’ospedale a Cattinara. È stato colpito all’inguine dalla pallottola di un poliziotto che aveva sparato per neutralizzarlo. Le sue condizioni non sono gravi. Appena sarà dimesso finirà in carcere, dove resterà per almeno un anno, il termine minimo previsto per i reati contestati.

Per quanto riguarda la ricostruzione dei fatti, Alejandro Augusto dopo aver sfilato la pistola a un poliziotto che lo stava accompagnando in bagno, Pierluigi Rotta, gli ha scaricato addosso quattro colpi. Dopo, altri cinque a Matteo Demenego. Il fratello del 29enne, Carlysle, intanto, terrorizzato, si era barricato dentro gli uffici.

“Sentivo gli spari – ha raccontato – poi sentivo mio fratello che  chiamava il mio nome e gridava ‘mi volevano uccidere’ e sentivo che correva avanti e indietro”.

Carlysle si nascondeva nei sotterranei mentre Alejandro Augusto sparava e raggiungeva l’atrio della Questura. Dopo aver colpito Rotta e Demenego il killer ha colpito ad altezza d’uomo verso altri agenti, ferendone uno alla mano. È stato poi bloccato all’esterno.

Sparatoria Trieste, Chef Rubio minacciato dal fratello del poliziotto ucciso: “Ti auguro di perdere un caro”. Poi le scuse

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roberto Angelini e la multa per lavoro nero: “Chiedo scusa. Ho sbagliato tutto”
Cronaca / Il bollettino: oggi 5.753 casi e 93 morti
Cronaca / Coprifuoco alle 23 e ristoranti all'interno aperti: cosa cambia da domani
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roberto Angelini e la multa per lavoro nero: “Chiedo scusa. Ho sbagliato tutto”
Cronaca / Il bollettino: oggi 5.753 casi e 93 morti
Cronaca / Coprifuoco alle 23 e ristoranti all'interno aperti: cosa cambia da domani
Cronaca / Papa Francesco: "In nome di Dio, cessi il frastuno delle armi"
Cronaca / Vaccino, a soli 8 mesi Vincenzo Mincolla è il più giovane al mondo ad aver ricevuto le 2 dosi Pfizer
Cronaca / Scampia, linciato dalla folla e gettato in un cassonetto: “Stava abusando di un minore”
Cronaca / In copertina sull’Espresso un “uomo incinto”, Salvini insorge: “Egoismo e follia”
Cronaca / Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Cronaca / Covid, 6.659 casi e 136 morti nell'ultimo giorno