Covid ultime 24h
casi +24.036
deceduti +297
tamponi +339.635
terapie intensive +50

Silvio Berlusconi indagato nel procedimento sulle stragi di mafia del 1993

Di Donato De Sena
Pubblicato il 25 Set. 2019 alle 14:04 Aggiornato il 25 Set. 2019 alle 15:25
6.2k
Immagine di copertina
L'ex premier e presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi

Berlusconi indagato per le stragi di mafia

Silvio Berlusconi è indagato nel procedimento aperto dalla procura di Firenze sulle stragi di mafia avvenute nel 1993 nella città toscana e a Roma e Milano. La notizia arriva da Palermo.

La certificazione ufficiale secondo cui Berlusconi è indagato a Firenze è  stata depositata questa mattina, 25 settembre 2019, nella cancelleria della seconda sezione della Corte d’assise d’appello di Palermo, che sta celebrando il giudizio di secondo grado sulla trattativa Stato-mafia.

Sono stati proprio i legali del Cavaliere a depositare presso la Corte d’assise d’appello che celebra il dibattimento la certificazione da cui risulta che l’ex presidente del Consiglio e fondatore e leader di Forza Italia è indagato a Firenze.

La notizia dagli avvocati

Nell’ambito del dibattimento a Palermo sulla trattativa tra Stato e mafia, Berlusconi è stato citato come teste, citato a deporre, dalla difesa di Marcello Dell’Utri, ex senatore di Fi e Pdl, che è imputato. E gli avvocati che assistono l’ex premier, Franco Coppi e Niccolò Ghedini, dopo la citazione a deporre da parte dei difensori di Dell’Utri, hanno chiesto alla Corte d’assise d’appello di Palermo definire in quale veste giuridica sentirlo: se ascoltarlo come teste o come indagato di reato connesso, uno stato quest’ultimo che gli consentirebbe di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Il nodo è stato sciolto dagli stessi avvocati dell’ex premier che si sono informati con i pm fiorentini.

A Firenze Berlusconi e Dell’Utri erano già stati archiviati. Poi l’inchiesta su di loro è stata riaperta a seguito delle intercettazioni in carcere dei colloqui del boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, in cella dopo una condanna per concorso esterno in associazione mafiosa.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Il boss palermitano tirava in ballo il presidente di Forza Italia come complice e mandante occulto degli eccidi in Continente.

Tutte le notizie di cronaca di TPI

6.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.