Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

SI Cobas, manifestazione contro le politiche del governo il 26 ottobre a Roma

Immagine di copertina

SI Cobas, manifestazione nazionale contro il governo il 26 ottobre a Roma

All’indomani dello sciopero generale di 24 ore previsto per domani venerdì 25 ottobre, i SI Cobas lanciano una manifestazione nazionale contro il governo, che si terrà sabato 26 ottobre alle ore 14 a piazza della Repubblica.

“Il nuovo governo giallo-bianco sta mettendo a punto gli ultimi dettagli della manovra finanziaria”, si legge in una nota del sindacato. “Il tanto strombazzato taglio al “cuneo fiscale” per i lavoratori dipendenti è poco più che una barzelletta: non più di 40 euro al mese di aumento in busta paga per i lavoratori dipendenti con meno di 26 mila euro (lordi) all’anno di reddito, e secondo indiscrezioni dell’ultim’ora sembrerebbe addirittura che per tutti coloro che già beneficiano del bonus Irpef di 80 euro al mese, la nuova agevolazione sarà completamente assorbita dal bonus stesso, quindi per questi ultimi non vi sarà nessun’aumento”.

“Il “bonus unico- famiglia” di 240 euro al mese per figlio, che Di Maio e Zingaretti avevano proposto in sostituzione delle attuali misure per i lavoratori con figli a carico (assegni familiari e detrazioni) e che avrebbe appesantito la busta-paga per molti lavoratori con redditi bassi e famiglie numerose, è stato eliminato dalla Finanziaria 2020 e rinviato a un futuro indefinito”, prosegue la nota.

“Il “salario-minimo” evocato da Di Maio è già finito nel dimenticatoio e c’è da scommettere che, in assenza di una mobilitazione di massa capace di imporre con forza la necessità di un aumento generalizzato dei salari da fame, resterà nel dimenticatoio per l’intera legislatura”.

“I vergognosi Decreti Sicurezza di Salvini non vengono minimamente toccati ne tanto meno messi in discussione: ad oggi restano pienamente in vigore non solo le norme duramente repressive verso le proteste di piazza, ma persino i regolamenti che permettono la chiusura dei porti e il programma di abolizione dei centri d’accoglienza “Sprar”. Intanto, con la ratifica da parte del Conte bis del Testo Unico sulla Rappresentanza del 10 gennaio 2014 (primo atto del nuovo esecutivo a soli 3 giorni dal suo insediamento), si è ulteriormente blindato il monopolio assoluto di Cgil-Cisl-Uil sui luoghi di lavoro a scapito del sindacalismo di classe e combattivo e malgrado la ormai conclamata crisi di consensi della triplice confederale”.

“Altro che “cambiamento”!”, prosegue il sindacato. “Il nuovo esecutivo si muove in sostanziale continuità col Conte Uno e in perfetta continuità coi governi dell’austerity delle precedenti legislature. Al di là di qualche misera e simbolica mancia per una porzione ridottissima di lavoratori dipendenti, nessuna reale misura “redistributiva” viene messa in campo, tanto più per la grande massa di salariati a basso o bassissimo reddito”.

“Per questo, crediamo che la manifestazione da noi indetta il 26 ottobre a Roma possa e debba rappresentare un’occasione per riprenderci la piazza e far valere le nostre ragioni. Un’occasione non solo per le migliaia di lavoratori del SI Cobas, ma per chiunque (lavoratori, studenti, disoccupati, attivisti e movimenti sociali che in questi anni hanno resistito alle politiche di sfruttamento, miseria e devastazione ambientale) condivida la necessità di costruire un movimento di classe indipendente dagli interessi dei padroni e dei loro leccapiedi istituzionali”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sciopero mezzi Milano oggi, 2 dicembre 2022: orari Atm e treni
Cronaca / Sciopero mezzi Roma oggi, 2 dicembre 2022: orari Atac, Cotral e treni
Cronaca / Sciopero trasporti oggi, 2 dicembre 2022: a rischio metro, bus e treni. Gli orari
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sciopero mezzi Milano oggi, 2 dicembre 2022: orari Atm e treni
Cronaca / Sciopero mezzi Roma oggi, 2 dicembre 2022: orari Atac, Cotral e treni
Cronaca / Sciopero trasporti oggi, 2 dicembre 2022: a rischio metro, bus e treni. Gli orari
Cronaca / Morto dopo aver mangiato sushi in un ristorante all you can eat: indagati il proprietario e il medico
Cronaca / Calci e schiaffi alle figlie, assolto il padre: il fatto non sussiste
Cronaca / Taranto, ritrovato senza vita Don Giovanni Marraffa: il mistero sulla morte
Cronaca / Ferrara, suv investe due bici e fugge: morto ragazzo di 16 anni
Cronaca / Roma, 16enne abusata nell’ascensore della metro: arrestato 22enne
Cronaca / Juventus, chiesto il processo per Andrea Agnelli e altri 12 indagati
Cronaca / Ischia, trovati altri due corpi: salgono a 10 le vittime accertate della frana