Sgarbi: “Silvia Romano va arrestata, o si pente o è complice dei terroristi”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 11 Mag. 2020 alle 07:30 Aggiornato il 11 Mag. 2020 alle 07:30
540
Immagine di copertina

Vittorio Sgarbi: “Silvia Romano va arrestata”

“Silvia Romano va arrestata”. Così Vittorio Sgarbi in un post su Facebook, pubblicato ieri, domenica 10 maggio, nel giorno della liberazione della cooperante italiana dopo diciotto mesi di prigionia. “Se mafia e terrorismo sono analoghi – ha scritto Vittorio Sgarbi – e rappresentano la guerra allo Stato, e se Silvia Romano è radicalmente convertita all’Islam, va arrestata (in Italia è comunque agli arresti domiciliari) per concorso esterno in associazione terroristica. O si pente o è complice dei terroristi”, continua Sgarbi nel post.

Nel durissimo attacco a Silvia Romano, Sgarbi sembra dimenticare l’articolo 19 della Costituzione italiana che difende la libertà di culto di ogni cittadino italiano: “Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume”.

Le parole di Vittorio Sgarbi su Silvia Romano sono state commentate da Andrea Scanzi: “Quando l’arteriosclerosi arriva, non ha pietà. Arrestate Vittorio Sgarbi, o quel che ne resta. È moralmente oltre ogni vomito”, ha scritto sulla sua pagina Facebook il giornalista de Il Fatto Quotidiano.

sgarbi silvia romano

Leggi anche: 1. Sallusti: “Silvia in Italia? E’ stato come vedere tornare un prigioniero dei campi di concentramento vestito da nazista”/ 2. Silvia Romano: la storia della liberazione: 3. Bentornata Silvia, oggi più che mai abbiamo bisogno del meglio della tua generazione / 4. Chi è Silvia Romano, la volontaria rapita in Kenya

540
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.