Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, Ue: “Sea Watch non può sbarcare i migranti in Libia”

Immagine di copertina

Sea Watch Ue Libia – La nave Sea Watch 3 è al centro di un nuovo braccio di ferro con il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo aver soccorso 53 migranti al largo della Libia il 12 giugno.

Caso Sea Watch: tutti gli aggiornamenti sulla nave della Ong

Il governo di Tripoli per la prima volta ha offerto all’imbarcazione un porto in cui approdare, ma l’equipaggio della Ong si è rifiutato di dirigersi verso le coste libiche non considerate sicure.

Una valutazione sostenuta anche dalla Commissione europea, che ha condannato le parole del ministro dell’Interno e appoggiato la decisione della Ong di non sbarcare i migranti soccorsi in Libia.

“Tutte le imbarcazioni che navigano con bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso, cosa che comprende la necessità di portare le persone salvate in un porto sicuro. La Commissione è sempre detto che queste condizioni attualmente non ci sono in Libia”.

Questo il messaggio di Natasha Bertaud, una portavoce della Commissione, rispondendo a una domanda sulle dichiarazioni del ministro Salvini sulla Sea Watch e sul possibile sbarco a Tripoli.

“Non commento direttamente le dichiarazioni di un ministro”, ha spiegato la portavoce della Commissione, ricordando che l’esecutivo comunitario “non ha competenze per decidere quale imbarcazione può o non può entrare in acque territoriali, né indicare luoghi di sbarco. La determinazione di un porto sicuro per uno sbarco specifico non spetta all’Ue: questa questione è di responsabilità del Centro di coordinamento dei soccorsi marittimi (MRCC) incaricato di un’operazione di salvataggio specifica”.

Nonostante ciò, precisa Bertaud, “tutte le imbarcazioni che navigano sotto bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso e della necessità di assicurare che le persone salvate siano portate in un porto sicuro”.

Per la Commissione “queste condizioni non sono attualmente rispettate in Libia”.

Migranti, sta arrivando l’estate. Restiamo umani e pensiamo due volte prima di parlare

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Eutanasia, per la prima volta in Italia un tribunale chiede di verificare se ci sono le condizioni
Cronaca / Covid, 1.400 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Speranza non è ancora vaccinato, Bassetti: “Scandaloso, doveva fare AstraZeneca”
Cronaca / Funivia Mottarone, il terribile video che mostra lo schianto della cabina
Cronaca / Il Lazio guarda ai giovani: premiate le 100 idee vincitrici del bando “Vitamina G”
Cronaca / A processo con l’accusa di bigamia 40enne si difende: “Non ero a conoscenza del primo matrimonio”
Cronaca / Muore di tumore a 47 anni, sull’epigrafe fa scrivere l’Iban della figlia: “Deve proseguire gli studi”
Cronaca / Grillo, attacco sul blog a G7 e Nato: “Una parata ideologica” per sparare contro Cina e Russia
Cronaca / Saman Abbas, spunta l’sms della madre: “Torna a casa, stiamo morendo, faremo come dici tu”
Cronaca / Luca Barbareschi: “Nessuna eredità ai miei figli, ho pagato loro università da 900mila euro. Ora devono cavarsela”