Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Migranti, Ue: “Sea Watch non può sbarcare i migranti in Libia”

Immagine di copertina

Sea Watch Ue Libia – La nave Sea Watch 3 è al centro di un nuovo braccio di ferro con il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo aver soccorso 53 migranti al largo della Libia il 12 giugno.

Caso Sea Watch: tutti gli aggiornamenti sulla nave della Ong

Il governo di Tripoli per la prima volta ha offerto all’imbarcazione un porto in cui approdare, ma l’equipaggio della Ong si è rifiutato di dirigersi verso le coste libiche non considerate sicure.

Una valutazione sostenuta anche dalla Commissione europea, che ha condannato le parole del ministro dell’Interno e appoggiato la decisione della Ong di non sbarcare i migranti soccorsi in Libia.

“Tutte le imbarcazioni che navigano con bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso, cosa che comprende la necessità di portare le persone salvate in un porto sicuro. La Commissione è sempre detto che queste condizioni attualmente non ci sono in Libia”.

Questo il messaggio di Natasha Bertaud, una portavoce della Commissione, rispondendo a una domanda sulle dichiarazioni del ministro Salvini sulla Sea Watch e sul possibile sbarco a Tripoli.

“Non commento direttamente le dichiarazioni di un ministro”, ha spiegato la portavoce della Commissione, ricordando che l’esecutivo comunitario “non ha competenze per decidere quale imbarcazione può o non può entrare in acque territoriali, né indicare luoghi di sbarco. La determinazione di un porto sicuro per uno sbarco specifico non spetta all’Ue: questa questione è di responsabilità del Centro di coordinamento dei soccorsi marittimi (MRCC) incaricato di un’operazione di salvataggio specifica”.

Nonostante ciò, precisa Bertaud, “tutte le imbarcazioni che navigano sotto bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso e della necessità di assicurare che le persone salvate siano portate in un porto sicuro”.

Per la Commissione “queste condizioni non sono attualmente rispettate in Libia”.

Migranti, sta arrivando l’estate. Restiamo umani e pensiamo due volte prima di parlare
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Cronaca / Bimba con febbre a 41 fatta attendere un’ora e mezzo in codice verde: muore tre giorni dopo
Cronaca / “Pestava la moglie e la figlia di 10 anni”: prof della Sapienza e avvocato del Coni a processo
Cronaca / Torino, fermati 5 giovani per il lancio della bici che colpì uno studente: l’ipotesi è di tentato omicidio
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni