Covid ultime 24h
casi +13.844
deceduti +364
tamponi +350.034
terapie intensive -75

Arrestata “Zia Bianca”, 70enne che gestiva traffico di droga tra Ostia e Fiumicino

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 20 Nov. 2020 alle 20:10 Aggiornato il 20 Nov. 2020 alle 20:12
74
Immagine di copertina

Arrestata “Zia Bianca”, 70enne a capo di traffico di droga tra Ostia e Fiumicino

Era conosciuta come “Zia Bianca” la donna di 70 anni a capo di un traffico di droga tra Ostia e Fiumicino arrestata dopo l’operazione eseguita dal Gico del nucleo di polizia economico finanziaria (coordinati dalla direzione distrettuale antimafia). Il lessico adottato, a tema culinario, spaziava dalle “lasagne” alle “fettine panate” fino agli “spaghetti alle vongole”, un gruppo che operava “alla vecchia maniera”: non a caso, la donna ha spiegato che “le telefonate sono tutte di mangiate”.

Bianca Zarfati, nata nel 1949 e nota come “Zia Bianca”, è stata arrestata insieme ad altre cinque persone: mentre loro sono in carcere, altre due sono agli arresti domiciliari. Sette acquirenti invece hanno l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Il gruppo guidato da “Zia Bianca” operava nella periferia Ovest di Roma e sul litorale.

Il quartier generale delle operazioni era proprio l’appartamento di Zia Bianca, a Fiumicino, dove era già ferma agli arresti domiciliari e dal quale gestiva i contatti con i fornitori e impartiva sia disposizioni per la cessioni dello stupefacente che la riscossione dei compensi. Anche la squadra di recupero crediti era tutta al femminile, composta da due sorelle (quasi 70enni) e la figlia di una delle due donne. Durante le indagini è stato arrestato uno dei corrieri di fiducia di Zia Bianca, per cui la donna ha dovuto rivolgersi ad un vecchio contatto peruviano per avviare la trattativa dell’acquisto di narcotico dal Sud-America a prezzi concorrenziali: la prima fornitura doveva essere di 6 kg di cocaina.

Leggi anche:

1. Terni, ragazza morta per overdose, il fidanzato: “Le ho iniettato l’eroina. Venti euro di droga a metà, ma io sono vivo e lei no” / 2. Alberto Genovese ai pm durante l’interrogatorio: “Se l’ho fatto è per droga”

74
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.