Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Il clan Spada è associazione mafiosa”: la sentenza della Corte d’Assise di Roma

Immagine di copertina

Nell'aula bunker di Rebibbia è stata letta la sentenza del dibattimento che vedeva alla sbarra la famiglia criminale di Ostia

Roma, processo al clan Spada: la sentenza della Corte d’Assise

Il clan Spada costituisce “un’associazione per delinquere di stampo mafioso”: questa la sentenza emessa dai giudici della Corte d’Assise di Roma per il processo al clan Spada, la famiglia criminale, di origine sinti, che opera a Ostia.

Nell’aula bunker di Rebibbia, il verdetto è arrivato nella serata di oggi, martedì 24 settembre, dopo 10 ore di camera di consiglio. Ventiquattro gli imputati alla sbarra. La Corte d’assise ha inflitto tre ergastoli. Carcere a vita per i capi Carmine Spada, detto Romoletto, per Roberto Spada, già condannato per la vicenda della testata a un giornalista della Rai, e per Ottavio Spada, detto Marco.

Sentenza processo clan Spada: le richieste della Procura

Il processo contro il clan Spada ha preso il via il 7 giugno 2018 presso l’aula bunker di Rebibbia, a Roma. Il procedimento è legato agli arresti avvenuti il 25 gennaio del 2018 con il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso.

Alla sbarra sono finiti 27 imputati, tra cui il boss Carmine Spada, conosciuto con il soprannome di Romoletto, e suo fratello Roberto.

Maxiprocesso contro clan Spada: la procura di Roma chiede 24 condanne, tra cui 3 ergastoli

Nel corso del dibattimento, è stata ricostruita la storia criminale della famiglia di Ostia: dalla presa di potere al business legato al traffico illecito di droga e al racket delle estorsioni.

Secondo quanto ricostruito nel processo, infatti, l’ascesa degli Spada ha inizio nel 2011 quando Giovanni Galleoni e Francesco Antonini, due criminali che controllavano Ostia prima dell’avvento degli Spada, vengono uccisi.

Dopo questo duplice omicidio, inizia l’ascesa degli Spada a Ostia. Il clan, infatti, ben presto controlla non solo il traffico della droga, ma anche parte del tessuto economico del litorale romano. Grazie alle estorsioni e alla corruzione di alcuni funzionari pubblici del municipio, gli Spada mettono le mani su alcuni degli affari più redditizi di Ostia come, ad esempio, la gestione dello stabilimento dell’Orsa Maggiore, uno dei più noti della frazione balneare di Roma.

E ancora, le estorsioni per la gestione del racket delle case popolari e l’usura a decine di negozianti, costretti a pagare il pizzo sotto il ricatto del clan malavitoso.

Ostia, sentenza clan Spada: per la prima volta il Tribunale di Roma riconosce l’aggravante mafiosa

I fatti e le storie riguardanti la famiglia criminale di Ostia sono stati elencanti nel corso del processo dai pm della Dda, Mario Palazzi e Ilaria Calò, i quali, dopo aver presentato prove e testimonianze a favore della loro tesi, lo scorso 9 settembre hanno chiesto 24 condanne, tra cui 3 ergastoli, per un totale di oltre 200 anni di carcere.

Gli ergastoli sono stati richiesti per Carmine Spada, detto Romoletto, per suo fratello Roberto, balzato agli onori della cronaca per l’aggressione ai danni del giornalista della Rai Daniele Piervincenzi e all’operatore Edoardo Anselmi, avvenuta a Ostia lo scorso 7 novembre, fatto per cui è stato condannato a sei anni di reclusione, e per Ottavio Spada.

Tra i reati contestati, quelli di estorsione e usura, oltre, ovviamente, a quello di omicidio per cui sono stati chiesti i tre ergastoli.

L’accusa, inoltre, aveva chiesto una condanna a 16 anni di carcere per Ottavio Spada, detto Maciste, a 11 per Nando De Silvio, detto Focanera, e a 8 anni per Roberto Spada, detto Zibba.

Per Rubern Alvez del Puerto, invece, era stata chiesta una condanna a 10 anni.

Le richieste della procura nel processo al clan Spada erano state commentate anche dalla sindaca di Roma Virginia Raggi, la quale aveva espresso la sua soddisfazione per quello che aveva definito “un altro passo per ripristinare la legalità a Ostia e sul litorale”.

sentenza processo clan spada

I nomi della mafia a Roma, ecco i clan attivi nella Capitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Davide Ferrerio, 21enne in fin di vita per uno sguardo a una ragazza
Cronaca / Senzatetto ustionato tra Casoria e Afragola: “Due ragazze gli hanno dato fuoco con il liquido infiammabile”
Cronaca / Castellammare, fratelli di 12 e 13 anni accoltellano (insieme al padre) l’amante della madre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Davide Ferrerio, 21enne in fin di vita per uno sguardo a una ragazza
Cronaca / Senzatetto ustionato tra Casoria e Afragola: “Due ragazze gli hanno dato fuoco con il liquido infiammabile”
Cronaca / Castellammare, fratelli di 12 e 13 anni accoltellano (insieme al padre) l’amante della madre
Cronaca / Treviso, auto finisce contro un albero: morti quattro giovanissimi
Cronaca / Gli insulti a Piero Angela sui gruppi Telegram dei complottisti: “È morto un servo e un massone”
Cronaca / Calabria, il piromane avvistato dal drone mentre appicca il fuoco | VIDEO
Cronaca / L’intervista inedita a Piero Angela sull’anno che ha cambiato il mondo per sempre
Cronaca / Sparatoria tra i bagnanti nel Foggiano: ucciso un 52enne
Cronaca / Vita e carriera di Piero Angela, il padre della divulgazione scientifica
Cronaca / Salerno, accoltella la figlia lesbica insieme alla compagna perché rifiuta la loro relazione: “Così morite insieme”