Maxiprocesso contro clan Spada: la procura di Roma chiede 24 condanne, tra cui 3 ergastoli

Tra i reati contestati dai pm Mario Palazzi e Ilaria Calò, quelli di omicidio, spaccio ed estorsione

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 9 Set. 2019 alle 16:59 Aggiornato il 9 Set. 2019 alle 17:00
0
Immagine di copertina

Maxiprocesso contro clan Spada: la Procura chiede 24 condanne

La procura di Roma ha richiesto 24 condanne, tra cui 3 ergastoli, nel maxiprocesso contro il clan Spada, il gruppo criminale che opera a Ostia, a Roma, che si sta svolgendo nell’aula bunker di Rebibbia davanti la Corte d’Assise.

Il procedimento è legato agli arresti avvenuti il 25 gennaio del 2018 in cui la Procura contesta il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso.

I nomi della mafia a Roma, ecco i clan attivi nella Capitale

I pm della Dda, Mario Palazzi e Ilaria Calò, hanno chiesto l’ergastolo per Carmine Spada, conosciuto con il soprannome di Romoletto e ritenuto uno dei capi del clan, per Roberto Spada, già condannato a sei anni di reclusione per l’aggressione al giornalista Daniele Piervincenzi e all’operatore Edoardo Anselmi, avvenuta a Ostia lo scorso 7 novembre, e per Ottavio Spada, meglio noto come Marco.

Tra i reati contestati, oltre a quello di omicidio per cui sono stati chiesti i tre ergastoli, anche quello di estorsione e usura. L’accusa, inoltre, ha chiesto una condanna a 16 anni di carcere per Ottavio Spada, detto Maciste, a 11 per Nando De Silvio, detto Focanera, e a 8 anni per Roberto Spada, detto Zibba.

Per Rubern Alvez del Puerto, coinvolto nella vicenda dell’aggressione al giornalista, invece, è stata chiesta una condanna a 10 anni.

Le richieste della Procura sono state commentate dalla sindaca di Roma Virginia Raggi, che sul suo profilo Twitter ha scritto: “Dalla Procura di Roma richieste pesantissime di condanna contro il clan Spada. Ergastoli e decine di anni di reclusione per membri della famiglia malavitosa. Un altro passo per ripristinare la legalità a Ostia e sul litorale”.

Ostia, sentenza clan Spada: per la prima volta il Tribunale di Roma riconosce l’aggravante mafiosa

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.