Covid ultime 24h
casi +16.310
deceduti +475
tamponi +260.704
terapie intensive -2

Roma, rimossa la scritta Casapound dalla sede del movimento. Raggi: “Ora lo sgombero”

A toglierla sono stati gli attivisti, prima della rimozione coatta della Polizia locale

Di Donato De Sena
Pubblicato il 6 Ago. 2019 alle 19:19 Aggiornato il 6 Ago. 2019 alle 23:12
0
Immagine di copertina
Foto dalla pagina Twitter di Virginia Raggi

Roma, rimossa la scritta Casapound dalla sede del movimento

Oggi, martedì 6 giugno, a Roma è stata rimossa la scritta Casapound dalla sede del movimento di estrema destra, al civico 8 di via Napoleone III, nel quartiere Esquilino. A provvedere alla rimozione sono stati gli stessi attivisti del movimento.

La scritta in marmo Casapound campeggiava sulla facciata dello stabile che era stato occupato nel 2003. La decisione è arrivata dopo la notifica della sanzione da parte del Campidoglio, che aveva chiesto la rimozione della scritta in quanto abusiva. La sindaca Virginia Raggi a giugno aveva inviato una lettera al comandante della Polizia di Roma Capitale chiedendo di avviare le procedure per la rimozione.

scritta casapound rimossa
Foto dalla pagina Twitter di Virginia Raggi

Attualmente un lenzuolo bianco copre la parte della facciata. Se il movimento non avesse provveduto da solo a togliere la scritta sarebbe scattata la rimozione coatta da parte degli agenti della Polizia locale, rimozione prevista domattina per lo scadere del tempo concesso dal Comune capitolino.

Poco sopra quello che resta della scritta è stato esposto uno striscione che recita: “Questo è il problema di Roma”.

Virginia Raggi: “È solo l’inizio, ora lo sgombero”

I commenti non sono tardati ad arrivare: “È solo inizio”, ha scritto la sindaca Raggi su Twitter. “Ora va sgomberato l’immobile e deve essere restituito alle famiglie che ne hanno davvero diritto. Va ripristinata la legalità. Fino in fondo. #CasaPound”.

Poco dopo la sindaca è arrivata sotto la sede. “Togliete lo striscione”, ha detto la prima cittadina M5S a uno degli attivisti.

Gli attivisti: “La scritta tornerà, quando la Raggi cadrà”

“Questa città questa scritta non la merita. La rimettiamo quando lei non è più sindaco, cioè a brevissimo”, ha risposto alla sindaca uno degli attivisti di Casapound. “Noi libereremo tutto quello che c’è da liberare”, ha sottolineato invece la prima cittadina lasciando poi, dopo poco meno di mezz’ora, via Napoleone III.

Ecco una foto della scritta Casapound sulla facciata della sede del movimento prima della rimozione:

scritta casapound
FOTO da archivio ANSA

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.