Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Caso Regeni, Fico: “Confermo chiusura relazioni diplomatiche tra Camera e Parlamento egiziano”

Immagine di copertina
La madre e il padre di Giulio Regeni insieme al presidente della Camera Roberto Fico. Credit: ANSA/ALBERTO LANCIA

Il presidente della Camera nella sua intervista ad Al Jazeera conferma l’interruzione dei rapporti diplomatici fra la Camera dei deputati e il Parlamento egiziano, decisa da Montecitorio nel novembre 2018. "Il popolo italiano è profondamente indignato"

Fico: “Confermo chiusura relazioni diplomatiche tra Camera e Parlamento egiziano”

“Come Camera dei deputati manterremo ferma la nostra azione rispetto a chiudere le relazioni diplomatiche con l’Egitto“. Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico in una intervista ad Al Jazeera Arabic, il giorno dopo la chiusura delle indagini sul rapimento, le torture e la morte del giovane ricercatore italiano, spiegando che Montecitorio conferma dunque la decisione, presa nel novembre 2018, rispetto all’interruzione dei rapporti diplomatici tra la Camera dei deputati e il Parlamento egiziano.

“Siamo stati senza dubbio sconcertati da quanto scritto dai procuratori della Repubblica di Roma perché sono accuse alla sicurezza nazionale egiziana gravissime, delle parole agghiaccianti. Una descrizione delle torture che ha subito Regeni, sappiamo che è stato seguito e intercettato per 40 giorni, sequestrato, mantenuto prima in una caserma e poi in una stanza, la numero 13, del ministero degli Interni egiziano”, aggiunge Fico.

“Nell’ascoltare in commissione di inchiesta i procuratori della Repubblica nel nostro Parlamento e nel Paese – ha proseguito il presidente della Camera – sono stati nominati 4 membri della National security egiziana. Chi ha partecipato al sequestro, alla tortura e all’uccisione di Giulio Regeni in base alle indagini sono queste persone: il generale Tariq Sabir, il colonnello Kamel, il colonnello Helmi e il maggiore Sharif”. Il presidente della Camera Roberto Fico ha poi concluso dicendo “questa situazione è di una gravità assoluta e tutto il popolo italiano è profondamente indignato“.

Leggi anche: 1. Se l’Italia non si indigna per le agghiaccianti torture degli 007 egiziani su Giulio Regeni; // 2. Omicidio Regeni, inchiesta chiusa: quattro 007 egiziani verso processo. “Giulio legato con catene di ferro”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO
Cronaca / Posillipo, colpisce un bagnante con il casco e tenta di annegarlo
Cronaca / Covid, oggi 13.668 casi e 102 morti: tasso di positività al 13%
Cronaca / Roma, incendio in una fabbrica di vernici a Monterotondo, pericolo intossicazione: “Tenete finestre chiuse”
Cronaca / Quarte dosi di vaccino, la campagna non decolla: il governo si è scordato della pandemia?
Cronaca / Partorì la figlia mentre era in coma, dopo 2 anni la abbraccia per la prima volta
Cronaca / Morta dopo il vaccino, per lo Stato la sua vita vale 77mila euro
Cronaca / Pistoia, trova la fidanzata in casa con un altro e la accoltella
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare