Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Che stai sulla Salaria?”: studenti del Righi contro la frase sessista della prof, la rappresentate: “Ci sentiamo nel medioevo”

Immagine di copertina

"La scuola ripropone gli schemi patriarcali che dovrebbe abbattere", dice a TPI la rappresentante del liceo Righi a margine della protesta organizzata in solidarietà nei confronti di Rebecca, 16 anni, rimproverata dalla professoressa perché portava la pancia scoperta

Minigonna e pancia scoperta per andare a scuola, almeno per un giorno, tutti insieme per protestare contro la frase rivolta da una professoressa alla studentessa del liceo Righi di Roma che stava ballando in classe con la maglietta alzata. “Ma che stai sulla Salaria?”, aveva detto la prof. a Rebecca, 16 anni, davanti a tutta la classe, prima di portarla dalla vicepreside. Un atteggiamento percepito come retrogrado, offensivo e sessista, che ha spinto le studentesse e gli studenti della scuola a manifestare la propria indignazione oggi davanti all’ingresso dell’Istituto, muniti di top e paillettes colorate, esibendo lo striscione: “Benvenut* nel medioevo, Righi zona fucsia“.

“Ci sentiamo nel medioevo non solo dentro scuola, ma siamo arrabbiati perché gli schemi sociali patriarcali che ci circondano vengono riproposti anche nel luogo che dovrebbe abbatterli. La scuola dovrebbe elevare gli studenti”, dice a TPI Francesca Gabardi, 18 anni, rappresentante del liceo Righi a margine dell’assemblea spontanea che ha avuto luogo dopo la protesta. “Dare della prostituta ad una ragazza è quasi medioevale, e lo è anche il fatto di associare alle lavoratrici del sesso un giudizio svalutante, non sono tutte poverine o sfruttante, c’è chi lo fa per lavoro, non si può usare questo termine come insulto”, continua. “Abbiamo la classe di prof più vecchia d’Europa, da un lato è normale che ci sia questo retaggio del passato. Ma noi siamo più sensibili al contesto che cambia, siamo in contatto con le realtà associative che sono al passo con i tempi e cercano di abbattere gli schemi sociali. C’è un grande lavoro anche da parte delle famiglie, solo la scuola rimane indietro”.

L’episodio si è trasformato in un’occasione per riflettere su temi ben più ampi, sottolinea ancora Francesca, come quello del “doppio standard” che si adotta a scuola soprattutto in materia di dress code. “È stata la professoressa stessa a dire che se avesse avuto una situazione uguale con un ragazzo gli avrebbe detto ‘Stai andando al mare?’. Un commento innocuo e inoffensivo. C’è una diversa interpretazione del corpo maschile e femminile. Del femminile se ne parla sempre, si cerca di coprirlo, agli uomini non viene detto niente”.

Quello del Righi, osserva ancora la rappresentante d’istituto, non è un caso isolato, ed è venuto fuori perché il liceo è uno dei più conosciuti della capitale e perché la studentessa “ha avuto una grande forza d’animo” e il coraggio di denunciare, ma in tanti casi studentesse e studenti più piccoli non reagiscono. “Non sai che conseguenze può avere una frase del genere su altri studenti più timidi o fragili, e il comportamento di un’educatrice o di un educatore ha un grande impatto su di noi”, dice. “Speriamo questo sia un punto di partenza che dia coraggio anche ad altre persone e scuole di ribellarsi, perché è assurdo che un educatore si rivolga così a una studentessa”.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Trento: incidente in moto, muoiono marito e moglie. Stavano andando al concerto di Vasco Rossi
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale